Usa 2020: Wsj, Facebook pronta ad agire in caso di disordini

Share

Misure per controllare meglio i post virali o pericolosi

Facebook si prepara a calmare eventuali turbolenze social legate alle elezioni Usa con strumenti ideati per quelli che chiama Paesi “a rischio” e già utilizzati in passato, ad esempio in Sri Lanka e Myanmar. Lo scrive il Wall Street Journal citando fonti a conoscenza del piano.
    Le misure di emergenza comprendono il rallentamento di contenuti virali, la riduzione della soglia per individuare post ritenuti pericolosi e la modifica del news feed per cambiare i tipi di contenuti disponibili.
    Impiegati insieme, questi strumenti potrebbero alterare quello che milioni di americani vedono sulla piattaforma, diminuendo la loro esposizione al sensazionalismo, all’incitamento alla violenza e alla disinformazione.
    Una manovra, secondo alcuni critici, discrezionale e rischiosa, che potrebbe portare alla soppressione di alcune discussioni politiche in buona fede. Ancora una volta si ripropone il controverso ruolo dei giganti di internet nel processo democratico.

Ansa

Share
Share