Bike Tourism, queste le startup vincitrici

Share

Sono 10 le startup vincitrici dell’Accelerathon sul bike tourism, la prima sfida tutta in modalità digitale di FactorYmpresa Turismo, il programma promosso dal MiBACT e gestito da Invitalia (nella foto, l’a. d. Domenico Arcuri) che offre servizi di tutoraggio e contributi economici alle imprese e agli aspiranti imprenditori della filiera turistica, con l’obiettivo di far crescere qualitativamente l’offerta e rendere l’Italia più competitiva sui mercati internazionali.

Le startup, scelte tra le migliori 20  selezionate da Invitalia con la call Bike Touring, si sono sfidate a colpi di progetti innovativi sul tema del cicloturismo, in grado di portare soluzioni innovative per chi ama viaggiare in bicicletta, ma anche per tutti coloro che prediligono forme di turismo alternativo alla classica mobilità. I progetti sui quali hanno lavorato i finalisti si rivolgono a chi viaggia in bici, per preparare, vivere e raccontare la propria esperienza, alle amministrazioni locali, per rendere le destinazioni bike friendly, infine agli operatori della filiera turistica, per offrire e migliorare i servizi per chi sceglie le vacanze in bicicletta.

All’Accelerathon digitale hanno partecipato: Flaminia Santarelli, Direttore Generale Direzione Turismo MiBACT, Lorenza Bonaccorsi, Sottosegretaria al MiBACT, Ernesto Somma, Responsabile Incentivi e Innovazione di Invitalia, Maria Elena Rossi, Direttore Marketing Enit, Sebastiano Venneri, Responsabile Territorio e Innovazione e membro Segreteria Nazionale Legambiente.

Nel corso della due giorni di full immersion, i team dei 20 startupper in sfida hanno lavorato con i mentor e i tutor di Invitalia per verificare punti di forza e di debolezza del modello di business, definire come rafforzare il progetto individuando il fabbisogno di servizi specialistici e hanno preparato un pitch di 3 minuti con cui hanno presentato il loro progetto alla giuria selezionata da MiBACT e Invitalia.

I 10 team con i progetti migliori hanno ricevuto un assegno di 30.000 euro da utilizzare per sviluppare ulteriormente l’idea di business e la possibilità di avvalersi dei servizi di consulenza di Invitalia.

LE 10 STARTUP VINCITRICI

mOOve

Ha ideato una pista ciclabile componibile con diversi moduli prefabbricati. Come se fossero dei mattoncini, in plastica e gomma riciclata, riposizionabili, i moduli non necessitano di scavi o lavori stradali. Il sistema può essere posato su qualunque superficie esistente, preservandola. I moduli sono ecosostenibili, riducono sensibilmente i tempi di installazione ed i costi di produzione e manutenzione. Sono personalizzabili e configurabili, dotati di sensori, illuminazione a LED integrata e adattiva, connettività e segnaletica orizzontale attiva. Le piste ciclabili realizzate con Moove salvaguardano la sicurezza dei ciclisti.

Remoove

Progetta e propone esperienze turistiche e di mobilità innovative attraverso la creazione di nuovi percorsi di inclusività. Affianca aziende leader nella produzione di mezzi innovativi e sostenibili, quali biciclette, triciclette e cargo-bike. Con i modelli già realizzati, anziani e portatori di handicap possono godere delle esperienze che il cicloturismo regala. Con i suoi servizi di consulenza, è in grado inoltre di adeguare in chiave inclusiva e fruibile i servizi e gli ambienti presenti su un territorio.

WHIP

È una piattaforma mobile e web che propone al cicloturista i migliori percorsi in base a caratteristiche di difficoltà oggettiva: tipologia bici e punti di interesse nel percorso come alberghi, agriturismi, ristoranti, negozi specializzati, organizzazioni di tour e officine. È possibile creare da zero percorsi per specifiche tipologie di bici, semplicemente aggiungendo punti di interesse, zone di passaggio obbligate e punti di arrivo. Gli algoritmi, utilizzando il network italiano ed europeo delle ciclovie, generano il miglior percorso per ogni utente, in base a difficoltà cercata, superficie e altimetria.

BikeSquare Tirreno

È un’app che propone tour autoguidati “like a local” e noleggio e-bike lungo la ciclovia tirrenica. Grazie alla collaborazione con enti locali e alla creazione di una community internazionale, mira a promuovere i territori che ricadono sull’Asse della Ciclovia Tirrenica (Tra Liguria e Toscana nel Ponente Ligure, a Capalbio e Maremma, in Lunigiana e nel Chianti), in modo da offrire un servizio omogeneo ai turisti che vogliano percorrere tutta la Ciclovia.

Pedalitaly

Progetta, realizza e commercializza format ciclistici virtuali. Grazie a una potente piattaforma di Cycling Virtual Reality, ciclisti da tutto il mondo potranno pedalare virtualmente sulle strade più belle d’Italia. Saranno guidati alla scoperta della cultura e delle tradizioni, del luogo in cui stanno pedalando. Il tutto sarà poi collegato un vero e proprio marketplace dei migliori prodotti ciclo-turistici reali in Italia progettati e realizzati da operatori accuratamente selezionati da Pedalitaly.

Bikeness

È un’app che permette di Esplorare nuovi percorsi e creare il proprio itinerario personalizzato. Grazie alla community è possibile condividere le proprie esperienze e scoprire nuovi luoghi seguendo i percorsi tracciati dagli altri utenti. Offre ai territori la possibilità di valorizzare l’offerta turistica e commerciale, ed ai cicloturisti la possibilità di scoprire le località turistiche Italiane “bike friendly”, aiutandoli a scegliere la destinazione di viaggio e le strutture ricettive.

Stop&Charge Shelter

Stazioni di ricarica per e-bike. Grazie alla produzione di energia derivante esclusivamente da fonte solare, la rete di stazioni in progetto permetterà di risolvere il problema della “range anxiety”. Con la presenza nelle città e nei percorsi cicloturistici, sarà possibile pianificare viaggi in bicicletta anche con percorrenze importanti, suddivise in varie tappe in cui vi è la possibilità di una sosta per ricaricare la bicicletta.

EcoBike Station

È una smart station. Grazie ad un’app in remoto, o grazie allo schermo sul luogo, l’utente potrà accedere a tutte le funzionalità a disposizione: procurarsi prodotti e attrezzature per viaggiare come dispositivi smart, accessori per le biciclette, abbigliamento tecnico e servizi di noleggio e riparazione. La stazione funge da info point, charging station, quick shop e personal locker.

Smart Cycling

Il progetto riguarda lo sviluppo di un sistema di bike sharing turistico. La gestione dei noleggi, e relativi pagamenti, avverrà grazie ad app per iOS e Android. Lo sviluppo della piattaforma ha come scopo quello di ottimizzare gli spostamenti ecosostenibili guidando l’utente ad una scoperta consapevole del territorio. L’utilizzo è possibile grazie ad un lucchetto smart, alimentato da un piccolo pannello fotovoltaico, che permette di sbloccare la bicicletta dalla stazione.

Witoor Go
Witoor Go vuole rendere smart, accessibile e sicura la partecipazione ad eventi sportivi e iniziative turistico-attive. Grazie a una piattaforma all-in-one di servizi sia digitali che fisici, vuole creare una connessione semplice, immediata e sostenibile tra chi offre un prodotto, o servizio rivolto al cicloturista, e l’utente finale. ‘Witoor Go’ segue il cicloturista in tutte le fasi della sua esperienza su due ruote: prima (ricerca eventi/percorsi, informazioni logistiche), durante (live tracking, noleggio bici muscolari ed e-bike) e dopo (condivisione esperienze, archivio percorsi, dati statistici).

Share
Share