5G: Ue, Italia tra i Paesi più avanti, ora focus sicurezza

Share
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 5G-1.jpg

Gli Stati membri hanno fatto “passi da gigante” sul 5G ma “resta ancora molto lavoro” per quanto riguarda la sicurezza. In termini di distribuzione, l’Italia è tra i 12 Paesi traino, dove gli operatori stanno già sviluppando e testando le reti. E’ quanto emerge da un rapporto della Commissione Ue sull’implementazione del 5G in Ue. Tutti i Ventisette hanno avviato un processo per rafforzare le misure di sicurezza da applicare alle reti 5G, dimostrando il loro impegno per un approccio coordinato e comune, sottolinea Bruxelles.

Alcuni – come la Francia, che sta imponendo limiti a Huawei -, stanno anticipando le restrizioni per quei fornitori considerati ad alto rischio. Per quanto riguarda l’implementazione delle reti, i Paesi già attivi sono Austria, Romania, Svezia, Finlandia e Lettonia (ciascun Paese vede 3 operatori attivi), Italia, Irlanda, Germania e Belgio (2), Spagna, Paesi Bassi e Ungheria (1). Nei prossimi mesi Bruxelles prevede che le assegnazioni dello spettro procederanno anche negli altri Stati membri.


ANSA

Share
Share