Turismo, cambiano le abitudini degli italiani: si viaggerà di meno

Share

Le abitudini turistiche degli italiani sono destinate a cambiare dopo l’emergenza Covid: il 40% viaggerà di meno, il 31% userà più l’auto, il 27% preferirà spostarsi all’interno della propria regione e il 24% andrà in altre Regioni. Lo rivela il 10° Rapporto ‘Gli italiani, il turismo sostenibile e l’ecoturismo’ realizzato dall’Istituto Noto. Il 23% del campione degli intervistati dichiara che in futuro per le vacanze prediligerà aree poco popolate, il 21% invece è sicuro che andrà di meno al ristorante mentre il 4% assicura che lo eviterà, il 17% non prenderà parte ai viaggi organizzati e il 9% sceglierà case private. Infine, l’8% punterà al massimo una meta in Europa mentre il 4% degli intervistati si terrà lontano dalle escursioni. In relazione ai luoghi turistici e al rischio di contagio, il 35% degli intervistati afferma che la percezione di sicurezza è data dal personale con mascherina, il 26% dai tavoli e dai posti all’aperto, il 10% dalla presenza di un medico nella struttura, il 9% dal controllo della febbre, il 7% dalla presenza diffusa di gel disinfettante. 

Share
Share