Cdp rafforza il vertice con 5 nomine

Share

La squadra di vertice del gruppo Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) guidato dall’a.d. Fabrizio Palermo si rafforza con la nomina di cinque nuovi responsabili scelti fra professionisti esterni e dirigenti interni. Pasquale Salzano ha assunto infatti l’incarico di chief international affairs officer, Andrea Montanino di chief economist, Alessandra Ferone è stata nominata chief risk officer, Manuela Sabbatini chief audit officer e Marco Doglio chief real estate di Cdp. Le nomine si inseriscono in un contesto di sempre maggior coordinamento e sinergia fra le attività del gruppo (Salzano, Montanino e Doglio assumono anche incarichi ai vertici di società partecipate) ed evidenziano la valorizzazione di competenze e professionalità interne con la crescita di Sabbatini e Ferone.

In qualità di chief international affairs officer, Salzano (che diventa anche presidente di Simest con Mauro Alfonso a.d.) avrà il compito di dirigere i rapporti internazionali di gruppo. Già ambasciatore d’Italia in Qatar, Salzano è un diplomatico di carriera e, fra i vari incarichi ricoperti, è stato executive vice president e direttore degli affari istituzionali nazionali e internazionali di Eni, capo dell’ufficio sherpa G8/G20 alla presidenza del consiglio dei ministri durante la presidenza italiana del G8 del 2009 e direttore all’Ocse.

Nel nuovo ruolo di chief economist di Cdp, Montanino, nominato recentemente presidente del Fondo Italiano di Investimento, è anche il nuovo responsabile di «Cdp Think Tank», che comprende le strutture dedicate alle attività di analisi, studi e ricerche. Dirigente generale al Dipartimento del tesoro del ministero dell’economia e delle finanze, Montanino è stato direttore esecutivo e membro del board del Fondo Monetario Internazionale, economista presso la Commissione Europea e direttore del Centro Studi di Confindustria.

Alessandra Ferone ha assunto invece l’incarico di chief risk officer con il compito di presidiare tutte le attività riguardanti la valutazione creditizia nonché la mitigazione dei rischi finanziari, non finanziari e di conformità. Ferone, che succede a Pierfrancesco Latini da poco nominato amministratore delegato di Sace Simest, è da lungo tempo dirigente di Cassa Depositi e Prestiti, di cui è stata responsabile delle attività di strutturazione, concessione e gestione dei finanziamenti alle infrastrutture, nonché chief financial officer di Cdp Immobiliare e Cdp Investimenti Sgr.

Manuela Sabbatini, nuovo chief audit officer, è in Cdp dal 2016 dove è stata responsabile dell’area normativa contabile di gruppo. In carica dal prossimo primo gennaio 2020, Sabbatini succede a Marcello Villa.

Marco Doglio, già designato nel novembre scorso amministratore delegato di Cdp Investimenti Sgr, ha assunto l’incarico di chief real estate officer di Cdp, con il compito, tra gli altri, di supportare la definizione delle strategie del comparto immobiliare a livello di gruppo, coordinandone le relative attività. Doglio è stato head of real estate Italy di Ubs e in precedenza a.d. e d.g. di Fabrica Sgr. Ha inoltre ricoperto il ruolo di cfo in Rete Ferroviaria Italiana e in Beni Stabili, dopo essere stato direttore finanziario di Acea e di Aeroporti di Roma, nonché manager del dipartimento di finanza di Autostrade.

ItaliaOggi

Share
Share