OCSE: Salini Impregilo su investimenti in infrastrutture come fattore strategico per lo sviluppo sostenibile

Share

Infrastrutture come fattore strategico dello sviluppo sostenibile mondiale. E’ l’oggetto della tavola rotonda “A call for private investment to achieve the SDGs”, organizzata ieri a Parigi dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) con l’obiettivo di discutere di investimenti diretti esteri e politiche pubbliche per favorire più alti livelli di crescita economica sostenibile e di occupazione. A sottolineare il ruolo delle infrastrutture come prerequisito essenziale per lo sviluppo economico-sociale Joseph Attias, Group Engineering, Development and Concessions Director, che ha descritto il contributo del Gruppo Salini Impregilo per l’avanzamento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) fissati dalle Nazioni Unite nell’ambito dei propri progetti nel settore delle infrastrutture.
“Il Gruppo ha adottato una Strategia di Sostenibilità che identifica due linee di azione volte all’avanzamento di 10 SDG specifici: da un lato supportiamo i nostri clienti sviluppando progetti infrastrutturali in aree strategiche quali l’acqua, l’energia rinnovabile e la mobilità sostenibile; dall’altro contribuiamo allo sviluppo dei territori in cui siamo presenti, investendo sulle nostre persone e sulla tutela dell’ambiente. Abbiamo recentemente lanciato una nuova policy sui temi dell’Inclusione e della Diversità, che segue le numerose iniziative svolte in ambito Health and Safety per sviluppare il capitale umano aziendale, delineando una corporate culture sempre più distintiva ed improntata ai principi della sostenibilità in tutte le sue sfaccettature”, ha commentato Attias.
Nell’ambito dei megatrend mondiali che influenzano i processi di decision making, la comunità internazionale ha intrapreso iniziative per orientare i cambiamenti in atto, come l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e l’Accordo di Parigi sul clima, ai quali Salini Impregilo contribuisce realizzando infrastrutture che supportano il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Il Gruppo, ad esempio, è in prima linea nell’avanzamento del SDG 6 sull’acqua pulita, garantendo l’approvvigionamento quotidiano ad oltre 20 milioni di persone nel mondo grazie agli impianti costruiti da Fisia Italimpianti, parte del Gruppo e leader mondiale nella dissalazione e trattamento delle acque. Allo stesso modo, Salini Impregilo contribuisce al SDG 11 sulle città sostenibili con numerosi progetti per la costruzione di metro e ferrovie leggere in tutto il mondo, dall’Australia al Medio Oriente e all’Europa, Francia inclusa, che permetteranno a circa 3,5 milioni di persone di muoversi ogni giorno in modo sostenibile, riducendo l’uso di veicoli privati e l’inquinamento associato. Impegno ed investimenti destinati a crescere con Progetto Italia, l’operazione di consolidamento delle infrastrutture in Italia per competere più attivamente sui mercati internazionali.

Share
Share