Rachel Launay nominata country director Italy del British Council

Share

Rachel Launay designata country director Itali di British Council, ente britannico per la promozione delle relazioni culturali, dell’insegnamento e presente in più di 100 paesi in sei continenti

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Rachel-Launay.jpg

Rachel Launay è la nuova Country Director Italy del British Council, ente ufficiale britannico di promozione delle relazioni culturali e delle chances educative in oltre 100 Paesi del mondo. La manager, si evince in un comunicato, acquisisce la nuova mansione potenziando una carriera professionale lunga oltre 20 anni, di cui gli ultimi 5 spesi in Germania nelle vesti di Country Director. Molte sono le sfide che la Launay si trova a sostenere a capo dell’ente culturale britannico nel nostro Paese.

Nominata poco prima dell’emergenza sanitaria da covid19, la manager Launay ha dovuto inserirsi e disporre velocemente le attività ‘core’ dell’Ente: dai corsi di lingua inglese fino alle partnership culturali e artistiche in calendario per quest’anno.

Con una profonda carriera a livello internazionale, e da sempre molto attiva su questioni di Equality, Diversity & Inclusion, Rachel Launay intraprende il suo percorso lavorativo in Asia orientale – Thailandia, Corea del Sud e Hong Kong – prima di passare al coordinamento accademica e a una più ampia attività di relazioni culturali in Portogallo e di qui a Londra e poi a Berlino.

Oggi, all’indomani anche dell’uscita del Regno Unito dalla Comunità Europea, la manager è chiamata a gestire importanti temi, così Rachel Launay commenta questi primi mesi di attività: “Insediarsi e comprendere ciò che stava accadendo nei primi mesi di pandemia ha comportato non poche sfide. Il British Council, tuttavia, ha reagito in modo rapido ed efficace. La difficoltà maggiore è stata l’esigenza di corrispondere gli elevati standard di continuità e qualità nel servizio di didattica a distanza in uno scenario formativo così complesso. Sono fiera di poter dire che la professionalità e la determinazione dei miei colleghi hanno permesso di raggiungere questo obiettivo per tutti i nostri studenti. Abbiamo anche rimodulato le attività con i nostri partner del mondo artistico-culturale e posso dire con orgoglio che siamo riusciti a organizzare una nuova stagione di eventi ‘virtuali’ che sancisce lo stretto rapporto tra UK e Italia. È un calendario fitto di appuntamenti che risponde alla domanda di partecipazione e afferma con forza e resilienza la nostra presenza, da qui il titolo ‘Being Present’ della nostra UK/IT Season 2020”.

Share
Share