Société Générale, focus su sette metalli

Share

Société GénéraleLe previsioni deboli sulla domanda del pil globale condizioneranno l’andamento dei prezzi delle materie prime. Ecco le stime degli speti della banca d’affari francese sulle quotazioni dei metalli industriali e preziosi dal 2014 al 2016.
1) Rame. Le incertezze sulla crescita cinese pesano negativamente sulle quotazioni del metallo rosso, decease che nel lungo periodo sono però destinate a salire. Guardando alla relazione domanda/offerta gli analisti si aspettano nel 2014 un surplus di 300kt. Per l’intero anno il valore medio atteso 6.900 dollari/tonnellata, seek in calo a 6.225 nel 2015 e in ripresa a 6.500 nel 2016, per poi toccare quota 7.500 nel 2018.
2) Zinco. In controtendenza il prezzo di questo metallo dovrebbe continuare a salire, poiché l’offerta sarà sotto pressione, mentre l’offerta non riuscirà a soddisfare pienamente le richieste. Grazie agli impieghi nell’industria dell’auto, delle infrastrutture, delle costruzioni e degli elettrodomestici, i consumi globali sono stimati in aumento del 5% nel 2014, contro il 4% nel 2013. Per l’intero anno la stima del prezzo medio è 2.200 dollari nel 2014, in crescita a 2.550 nel 2015 e 2.600 nel 2016.
3) Piombo. La produzione mineraria dovrebbe ridursi nel breve termine, perché i nuovi progetti o i piani di espansione non sono sufficienti per compensare le prossime chiusure. Tuttavia la crescita stabile del settore automobilistico in Cina e India controbilancerà la bassa domanda di Europa e Stati Uniti. Le proiezioni indicano una quotazione media di 2.200 dollari/tonnellata nel 2014, che salirà a 2.400 nel 2015 e 2.500 nel 2016.
4) Nickel. Dopo un aumento del 7,3% nel 2013 la crescita dei consumi globali di nickel dovrebbe rallentare al 4% (anno su anno) nel 2014. Lo scenario è cambiato drasticamente dopo la decisione dell’Indonesia di bloccare le esportazioni. Un impegno che in futuro potrebbe essere rafforzato, ridudendo l’eccesso di offerta globale. La quotazione è stimata 18.000 dollari/tonnellata nel 2014 e 24.000 nel 2015, per arrivare a 26.000 nel 2016.
5) Oro. Gli analisti continuano a essere pessimisti sul prezzo del metallo giallo sebbene abbiamo rivisto leggermente al rialzo la stima per quest’anno. La bassa inflazione mondiale unita all’atteso aumento dei tassi e al rafforzamento del dollaro metteranno sotto pressione il prezzo del metallo giallo. Per il 2014 la previsione è 1.290 dollari l’oncia, in calo a 1.175 nel 2015 e a 1.000 nel 2016.
6) Argento. Dopo aver superato la soglia dei 21 dollari l’oncia a fine giugno/inizio luglio, ha avviato un trend al ribasso per scendere sotto i 19 dollari all’inizio di settembre, in un processo di decoupling rispetto all’oro. L’argento si comporta attualmente più come un metallo industriale che come un metallo prezioso. Per l’intero anno la previsione è 20 dollari l’oncia nel 2014, in flessione a 18 dollari nel 2015 e 16 nel 2016.
7) Platino e palladio. L’andamento di entrambi i metalli preziosi dovrebbe essere positivo, soprattutto per il palladio, grazie ai solidi fondamentali, che è previsto in crescita costante nel periodo di previsione. In sintesi il prezzo è stimato 835 dollari l’oncia nel 2014, in aumento a 950 dollari nel 2015 e 975 nel 2016. Il platino salirà invece nelle stesse date da 1.456 a 1.500 e 1.525 dollari.

Milano Finanza

Share
Share