Sec Newgate, arriva Andrea Cornelli per la nascita di una nuova divisione

Share

Andrea Cornelli (nella foto) entra a far parte di Sec Newgate: è Chief Innovation Officer e membro del Board del gruppo. Con l’arrivo di Cornelli nel gruppo guidato da Fiorenzo Tagliabue,  prende il via progetto SEC Newgate Accelerate. Una nuova divisione che avrà come l’ambizioso compito di “accelerare” il business, grazie al digitale e all’utilizzo delle nuove tecnologie. Si tratta di un’altra grande sfida per un manager stimato e apprezzato per le sue indiscutibili qualità. Cornelli, che da più di 20 anni fa parte del network Omnicom (come Presidente e a. d. di Ketchum PR), è Co-fondatore e portavoce di PR Hub: è una piattaforma associativa che raccoglie le agenzie di PR all’interno di UNA – Aziende della Comunicazione Unite (Associazione di cui è Vicepresidente). Cornelli ha commentato con entusiasmo il suo ingresso in Sec Newgate: “Per me è motivo di orgoglio entrare in quello che di fatto è l’unico vero network internazionale di comunicazione a controllo italiano, in un contesto come quello delle Pubbliche Relazioni tradizionalmente dominato dalla cultura anglosassone. Vengo da un percorso vissuto per molti anni all’interno di altri gruppi internazionali, esperienze molto sfidanti, ma l’idea di portare cultura, pensiero e visione italiana a livello globale in questo momento, rappresenta per me una motivazione in più”. Cornelli ha poi spiegato il progetto Sec Newgate Accelerate: «Si tratta di una nuova unit che ha come obiettivo l’affiancamento alle storiche divisioni del network per rendere ancora più ampio e visionario il bouquet di prodotti di consulenza che proponiamo ai nostri clienti… Non utilizzo a caso il termine visionario, perché sono convinto che il nostro principale compito stia nel raccontare alle aziende di cui siamo partner il mondo che ci aspetta, per accompagnarle nella loro crescita anticipando il mercato». E ancora: «Un’agenzia come SEC Newgate si è sempre distinta per la qualità della consulenza offerta e per l’ampia gamma di servizi che è in grado di garantire. Ora possiamo aggiungere un bagaglio di nuove competenze che porti a un’ulteriore accelerazione, mettendo il digitale e la tecnologia al servizio della nostra proposta consulenziale in uno scenario di mercato estremamente fluido e in continua evoluzione. Per sostenere questo processo abbiamo assemblato un team che valorizza molte professionalità già presenti in SEC e ne coinvolge di nuove, provenienti dall’esterno. Esperti, quindi, di creatività e tecnologia, provenienti da mondi professionali sinergici a quello della comunicazione, in grado di rendere ancora più unica la proposta di SEC, in particolare in un momento come quello attuale, in cui è necessario pensare nella maniera più strategica possibile a una rinascita del mercato e delle aziende». 

Share
Share