Cina. Su ordine del governo, non è più disponibile l’app di Skype

Share

L’app di Skype, il popolare servizio di messaggeria e telefonia online, è stata messa al bando nei siti di download cinesi in base a un ordine del ministero della Sicurezza di Pechino. L’ha riferito oggi la Apple.
Skype non è più disponibile per il download nell’Apple Store cinese o nei siti per Android. “Ci è stato notificato dal ministero della pubblica sicurezza che diverse app VoIP non sono in linea con la legge locale, di conseguenza queste app sono state rimosse dall’App Store in Cina”, ha detto il gruppo di Cupertino in un comunicato. Non è stato specificato quali leggi sarebbero state violate dalla app.
Il sospetto è che le autorità stiano cercando di bloccare quelle app che utilizzano sistemi di crittografia particolarmente efficaci, come WhatsApp e Skype, poco vulnerabili al controllo del governo.
Skype Business, l’app di Skype costruita per l’uso aziendale, è ancora disponibile per il download.
La Cina da anni blocca nel paese siti o servizi online come Facebook, Twitter, Instagram, oltre che molti siti di news.

ItaliaOggi

Share
Share