Dedalus compra i software Dxc

Share

Shopping negli Usa per il gruppo fiorentino Dedalus, che ha firmato un accordo vincolante per l’acquisizione del ramo d’azienda dei software sanitari di Dxc Technology, azienda di servizi IT quotata a New York. Con l’operazione l’impresa italiana arriva a 700 milioni di fatturato e amplia la propria presenza nel settore delle soluzioni software in ambito ospedaliero e diagnostico con una presenza in oltre 40 paesi; una posizione di leadership nei maggiori Paesi europei, tra cui Germania, Italia, Gb, Francia e Spagna.

Per Dedalus, il cui 75% è in mano al fondo Ardian, “l’acquisizione trova la sua ratio nelle importanti sinergie tra le due società che permetteranno di espandere la leadership” del gruppo “nei principali Paesi d’Europa” e di ampliare “la propria presenza nei mercati non ancora presidiati”.
“Con questa acquisizione facciamo un ulteriore salto di qualità, con un fatturato pro-forma di oltre 700 milioni e oltre 5.500 dipendenti, di cui 2.200 dedicati a ricerca e sviluppo”, sottolinea l’ad, Andrea Fiumicelli, nlla foto. “L’arrivo nel gruppo Dedalus delle attività di Dxc va nella direzione di accelerare l’ingente piano d’investimenti avviato tre anni fa a beneficio degli oltre 3 milioni di professionisti sanitari che operano grazie alle nostre tecnologie e generano oltre 3 miliardi di documenti sanitari che stiamo trasformando in conoscenza clinica utilizzabile e scambiabile”, aggiunge il presidente Giorgio Moretti.

Share
Share