chessidice in viale dell’editoria

Share

nytIl New York Times lancerà un abbonamento digitale senza pubblicità. L’amministratore delegato del New York Times, Mark Thompson, ha confermato l’intenzione di lanciare un abbonamento all’edizione digitale privo di inserzioni pubblicitarie, a un prezzo superiore alla sottoscrizione standard. Thompson ha dichiarato che i lettori hanno bisogno di imparare che «il giornalismo che apprezzano ha dei costi reali e va pagato», ma non ha specificato il costo del nuovo abbonamento, ideato per aggirare l’utilizzo sempre più frequente di software che agiscono come filtro anti-pubblicità. Secondo la società di ricerca Ovum, gli editori hanno perso a livello globale 24 miliardi di dollari di entrate, lo scorso anno, a causa di questi software. Nel primo trimestre, il gettito proveniente dalle pubblicità per le edizioni stampate e digitali del New York Times è diminuito del 6,8%.

ItaliaOnLine, +1% per il debutto post fusione Seat. La nuova Italiaonline – nata dalla fusione per incorporazione in Seat P.G., ha debuttato ieri sull’Mta di Borsa Italiana. Il titolo ha chiuso la seduta a 2,526 euro, in crescita dell’1,04% rispetto al prezzo di chiusura rettificato di 2,5 di venerdì scorso.

Editoria, a Bari Wan-Ifra Italia. «La filiera dei quotidiani fra slogan e realtà» è il tema di Wan-Ifra Italia 2016, la conferenza internazionale dell’industria editoriale e della stampa promossa da Wan-Ifra (Associazione mondiale degli editori) e Asig (Associazione stampatori italiana giornali), in programma domani e mercoledì a Bari. I lavori saranno aperti dal presidente dell‘Asig, Gianni Paolucci, e dal direttore generale della Fieg, Fabrizio Carotti.

Rai, Diaconale: confronto con d.g. in cda o non ratifico nulla. «Conoscere per deliberare» era la lezione, il metodo di Luigi Einaudi, e a quello dice di ispirarsi Arturo Diaconale, componente del cda Rai, che chiede che nell’organismo di gestione del servizio pubblico «si apra un confronto con il direttore generale e amministratore delegato, altrimenti io non ratifico più nulla».

Clesp nuovo socio di maggioranza di Proliber. Clesp, distributore di libri scolastici e di varia da oltre 30 anni, è il nuovo socio di maggioranza della Proliber, distributore editoriale nazionale in ambito prevalentemente religioso con sede a Bologna. I due soci di maggioranza di Proliber – Dehoniana Libri e Messaggero Servizi – hanno infatti raggiunto un accordo con Alessandro Gottardo, titolare della Clesp, per la cessione della maggioranza delle quote societarie. A.d. di Proliber è stato nominato Enrico Maria Greco, già a.d. dell’Editrice «La Scuola».

Agi dà voce alle storie di migranti. Nasce il progetto giornalistico «#TuNonSaiChiSonoIo» che nei prossimi mesi racconterà, con una serie di video in prima persona, le storie dei tanti esuli arrivati in Italia da Paesi del Mediterraneo, dell’Africa e del Medio Oriente. Il progetto è frutto della collaborazione tra Agi e i giornalisti indipendenti di Next New Media. I video saranno pubblicati sul portale Agi.it e verranno messi a disposizione di associazioni, istituzioni e altri mezzi di informazione.

Ovs entra nella Galleria d’Arte Moderna di Roma. «Abbiamo attivato una partnership con Ovs, che ha vestito gli assistenti di sala»: parole del direttore della Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, Cristiana Collu, che insieme al ministro per i beni e le attività culturali e il turismo, Dario Franceschini, ha presentato il nuovo ingresso e la sala delle Colonne dell’istituzione museale romana, oltre alla mostra «The Lasting. L’intervallo e la durata».

Italia Oggi

Share
Share