Torino si candida come sede dell’Autorità europea Antiriciclaggio

{"subsource":"done_button","uid":"1C417A3E-6F0A-4A9C-A4DD-0DCFB41B138F_1584902085383","source":"other","origin":"gallery","source_sid":"1C417A3E-6F0A-4A9C-A4DD-0DCFB41B138F_1584902085391"}
Share

Comune di Torino e Regione Piemonte hanno trasmesso formalmente al governo italiano il dossier di candidatura di Torino come sede dell’Autorità europea Antiriciclaggio. L’idea di candidare Torino a sede dell’Amla è nata lo scorso luglio: in questi mesi si è costituito il comitato promotore, presieduto da Alberto Perduca, magistrato, già procuratore aggiunto di Torino e procuratore di Asti, con elevate competenze in materia di antiriciclaggio costruite nel corso della sua lunga carriera e con molte esperienze internazionali. Il comitato è composto, oltre che dal presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, nella foto, e dal sindaco di Torino Stefano Lo Russo, anche da Gian Carlo Caselli, nel ruolo di Special Advisor. In corsa, oltre al capoluogo piemontese ci sono Milano, Palermo, Roma, Venezia, Napoli, e, all’estero, Varsavia e Berlino. Tra i punti di forza della candidatura ci sono le due sedi proposte, entrambe edifici aulici nel cuore della città: la Curia Maxima, in via Corte d’Appello, e il Palazzo della Regione, in piazza Castello. Entrambe offrono una superficie di oltre 10mila metri quadrati per ospitare circa 400 persone, così come richiesto dai requisiti per la candidatura. Per il sindaco Lo Russo “Con una grande tradizione di impegno per la legalità delle istituzioni e della società civile, Torino è una città che guarda al futuro senza dimenticarsi il suo passato. Prima capitale d’Italia, successivamente città industriale, grazie a un processo di trasformazione ancora in corso ha rafforzato le storiche vocazioni produttive sviluppandone di nuove come l’alta formazione universitaria. Qui sede uno dei gruppi bancari più importanti d’Europa, ci sono grandi investimenti in formazione e innovazione. Ma la nostra è anche una città che offre qualità della vita e proposte culturali di qualità”. “Torino è la sede ideale per ospitare l’Authority e quanti ci lavoreranno non solo per le caratteristiche e la qualità della città, ma anche per tutto ciò che la città ha intorno – spiega il governatore Cirio -.  La posizione del Piemonte nel cuore dell’Europa sarà sempre più strategica per l’incrocio di due corridoi come la Lisbona-Kiev e la Genova-Rotterdam. E già ora Torino si trova a pochi chilometri da bellezze e attrazioni turistiche come le montagne olimpiche, le colline Unesco di Langhe Roero Monferrato e il Lago Maggiore che fanno della città un luogo privilegiato in cui vivere e lavorare”. “Qui sono nate alcune delle istituzioni italiane più importanti per la tutela della legalità – ricordano Perduca e Caselli – la storia stessa della Guardia di Finanza ebbe inizio a Torino, nel 1774, con l’istituzione del primo Corpo specializzato in compiti di difesa militare delle frontiere e di vigilanza del cordone doganale. Qui è nata l’Arma dei Carabinieri, nel 1814. E sempre a Torino si celebrarono i primi processi, con la partecipazione di cittadini giurati, contro le principali formazioni armate terroristiche”.