Unionbirrai si prepara a premiare le birre artigianali più meritevoli

Share

(di Tiziano Rapanà) Tutto pronto per la premiazione. Bisogna aspettare solo qualche mese. Il tempo dell’attesa non lo si può sprecare rimuginando, ma bevendo responsabilmente. Anche se nell’evocare la responsabilità si rischia di affogare nell’ipocrisia, che non è quella splendida idea di arte valorizzata da Angela Luce che ne redarguiva la presenza in amore. Io parlo di tartuferia da anime belle, che fingono o peggio ancora credono convintamente al bene altrui. Bere birra – è lei la protagonista del’articolo – ma con intelligenza: senza strafare. Dicevo: tutto è pronto per la premiazione. Unionbirrai si prepara a incoronare le migliori birre artigianali e sancire il miglior birrificio artigianale d’Italia per il 2023 lanciando la XVIII edizione di Birra dell’Anno, concorso che ha l’obiettivo di promuovere e valorizzare le birre artigianali italiane. Si ritorna a Rimini, nella storica casa del concorso. Rimini, la splendida meta balneare, che – lo diceva una vecchia canzone di Raoul Casadei – fa venire voglia di correre e di vivere. Qui si diranno parole nette sulle birre da bere nel 2023. Si assaggerà come di consueto alla cieca. I palati sono eminenti e di caratura internazionale: sono critici ed esperti italiani e stranieri. A Rimini Fiera poi, il 19 febbraio 2023 alle ore 14, si lascerà il passo alle premiazioni e agli inevitabili festeggiamenti all’interno della manifestazione Beer&Food Attraction. Non cambia il numero delle categorie di concorso, quarantacinque, identica pure la modalità di assegnazione del premio speciale “Birrificio dell’Anno”, che andrà al produttore che avrà ottenuto con le sue birre il punteggio più alto con i tre migliori piazzamenti in differenti categorie. Simone Monetti, segretario generale di Unionbirrai ha così commentato: “Ci aspettiamo un’edizione importante, che dia continuità alla lunga storia di Birra dell’Anno. Nella precedente edizione i birrifici italiani hanno dato prova di grandi capacità, tanto che i giudici erano tutti d’accordo sul livello medio molto elevato delle birre in concorso. Sono certo che anche per la XVIII edizione le birre artigianali italiane sapranno stupire i giudici internazionali”.

tiziano.rp@gmail.com