Rimini, il comparto turistico torna ai livelli pre-pandemia

Share

A Rimini l’occupazione media degli alberghi per il mese di giugno, al momento, si attesta già attorno al 70%, contro il 50% dello scorso anno. Lo rende noto Visit Rimini, annunciando che “le richieste continuano ad arrivare e le prenotazioni sono sempre più sotto data: quindi i numeri di giugno 2022 sono in continua crescita. Ci si aspetta una chiusura al di sopra del 80% di occupazione”. Il comparto turistico romagnolo torna dunque ai dati del pre-pandemia: partito con il boom del ponte del 2 giugno da tutto esaurito, il mese di giugno sta continuando bene grazie all’importante presenza degli stranieri, al ritorno dei gruppi e “si prospetta una buona chiusura – viene spiegato – sostenuta dagli eventi sportivi. Non tutte le settimane sono da tutto esaurito, però le performance sono già decisamente al di sopra dello scorso anno, nonostante si sappia che la tendenza ormai è quella di prenotare sotto data”. Quanto agli stranieri si registra il ritorno dei tedeschi e in misura minore di svizzeri, austriaci e belgi. Nelle due settimane centrali del mese, la percentuale di ospiti d’oltralpe, secondo i dati di Visit Rimini, arriva al 20%, in concomitanza con le vacanze di Pentecoste, che si concludono il prossimo fine settimana. Anche il ritorno dei gruppi è un indicatore “del cosiddetto ritorno alla normalità. La città sta ospitando sia gli storici gruppi di anziani che approfittano di giugno con le lunghe giornate di sole che offrono un clima ottimale, sia gruppi di giovani che si ritrovano per i tornei sportivi estivi che sono ripresi alla grande”. ù