Terna leader mondiale nei lavori sotto tensione per la sicurezza della rete elettrica

Share

Terna, nella foto l’a. d. Stefano Donnarumma, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, organizza e coordina la tredicesima edizione di Icolim, la principale manifestazione internazionale dedicata ai Lavori Sotto Tensione (LST) che si tiene presso il Lingotto Fiere di Torino dal 15 al 17 giugno. Per l’evento, che riunisce i maggiori esperti mondiali dei metodi operativi per intervenire sulle linee elettriche senza interrompere il flusso di energia, Terna assume la presidenza di turno della LWA (Live Working Association), l’associazione europea che dal 1992 organizza il forum.

La tre giorni di incontri e conferenze, che ha ricevuto il patrocinio dalla Regione Piemonte e dal Politecnico di Torino, si pone come obiettivo quello di tracciare lo stato dell’arte nell’ambito dei lavori sotto tensione, condividendo le rispettive esperienze e le best practices nonché i nuovi strumenti, le attrezzature, i materiali, le normative e le procedure, la formazione e le innovazioni applicate agli interventi di manutenzione e monitoraggio delle linee elettriche e delle stazioni, per una sempre maggiore sicurezza, efficienza e sostenibilità delle infrastrutture. Inoltre, una giornata sarà dedicata esclusivamente alle dimostrazioni pratiche, presso la stazione elettrica di Terna a Rondissone (Comune della Città Metropolitana di Torino). Presenti più di 500 persone e oltre 50 delle principali aziende del settore elettrico, rappresentative di circa 20 Paesi, tra cui gestori di rete, società di distribuzione, e ancora tecnici e ingegneri del mondo accademico e della ricerca.

Quella dei lavori sotto tensione – attività altamente qualificata che consente di eseguire particolari interventi sull’infrastruttura elettrica mantenendo gli impianti in servizio – è una tecnica che Terna adotta da anni per garantire la sicurezza, la continuità, la qualità e la massima efficienza della rete elettrica di trasmissione nazionale. Grazie al continuo studio e allo sviluppo delle metodologie, alla spiccata formazione professionale di eccellenza dedicata alle sue risorse, all’utilizzo di attrezzature e strumenti ad hoc, Terna con i suoi 150 operatori abilitati e 50 tecnici esperti, realizza una media di 1.800 interventi l’anno, con picchi anche di 3.000, sui circa 75 mila km di rete lungo l’intera penisola, realizzando un beneficio economico annuale per il sistema Paese stimato tra i 60 e i 90 milioni di euro. In questi anni, Terna ha acquisito un livello di expertise tra i più accreditati in Europa e figura tra i leader mondiali nel settore per competenza e professionalità.

L’azienda, inoltre, è tra le poche società in Europa a essersi dotata di un centro di addestramento specifico per i lavori sotto tensione e tra le prime al mondo ad aver istituito un proprio laboratorio accreditato per eseguire le prove di verifica sulle attrezzature e sui Personal Protective Equipment. In particolare, la sede Terna di Viverone (Biella) ospita uno dei tre laboratori elettrici (gli altri due sono a Civitavecchia, nel Comune di Roma, e a Frattamaggiore, nel Comune di Napoli) e un campo di addestramento per la formazione – in piena sicurezza, in ambiente controllato e con procedure certificate – di addetti esperti, anche di altri Paesi, attraverso tecniche e metodologie collaudate da anni di esperienza. Un centro unico in Italia, tecnologicamente avanzato e professionale, una vera e propria scuola di elevata formazione: i tecnici di Terna sono, infatti, gli unici in Italia che possono lavorare in modalità sotto tensione (LST), con specifica autorizzazione ministeriale, su linee elettriche ad alta e altissima tensione.