Portale Sardegna, valore della produzione pari a 6,4 mln

Share

Il Consiglio di Amministrazione di Portale Sardegna, online travel agency (OTA) quotata su Euronext Growth Milan specializzata nel segmento incoming turistico per l’Italia, ha approvato il Bilancio Consolidato e il Progetto di Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2021. Massimiliano Cossu, nella foto, Amministratore Delegato di Portale Sardegna: “Alla luce delle vendite registrate in questo primo periodo del 2022 possiamo affermare che il Gruppo ha superato in maniera brillante il drammatico periodo della pandemia che ha colpito duramente il settore turistico, riducendo al minimo i costi, salvaguardando la liquidità aziendale indispensabile per garantire la continuità aziendale e dirottandola su investimenti che oggi rendono Portale Sardegna un operatore Internazionale. Un periodo che necessariamente ci ha visto impegnati a trovare soluzioni e progetti alternativi a quelli tradizionalmente proposti, il 2021 ha portato a risultati più che soddisfacenti nonostante il drastico ridimensionamento dei contributi pubblici a sostegno del settore (da 0,78 milioni nel 2020 a 0,41 milioni nel 2021). Il Gruppo ha consolidato e accresciuto il posizionamento strategico sviluppando il nuovo asset Welcome to Italy e la nuova linea di business del settore extralberghiero. I dati di bilancio 2021 dimostrano una crescita del fatturato e una ripresa delle prenotazioni che si sta ottimamente consolidando nel 2022, nonostante il delicato andamento economico generale. Gli investimenti proseguiti nell’esercizio hanno consentito la messa in produzione della prima release di Welcome to Italy, piattaforma che ancora necessita degli ultimi interventi ma che rappresenta un asset importantissimo di Portale Sardegna Group. Nel corso del 2021 l’assetto societario del Gruppo si è modificato a seguito della fusione di Royal Travel Jet Sardegna e della new entry Welcomely, start up con la quale la Capogruppo ingloba nel perimetro societario il giro d’affari generato dal settore dell’extra alberghiero, business che presto verrà scalato in tutta Italia e che ora riguarda la rete dei Sardinia Local Expert che operano nei Portale Sardegna Point, il progetto che ha dato origine a Welcome to Italy, di cui siamo estremamente orgogliosi e che, attraverso la sottoscrizione della partnership per la creazione di Welcome to Turkey, dimostra ulteriormente la valenza strategica e la scalabilità. È stato un anno di forti investimenti nella tecnologia e nel progetto Welcome to Italy, tali lavori si completeranno nei prossimi mesi ma alla fine consentiranno di fare in modo che Welcome to Italy diventi la fonte prevalente dei ricavi del Gruppo. Nell’esercizio trascorso e nei primi mesi del 2022 sono state stipulate partnership e accordi distributivi che nel prossimo futuro, in concomitanza con il rilascio dell’ultima release della piattaforma Welcome to Italy, si trasformeranno in giro d’affari, impensabilmente raggiungibile con il solo prodotto Sardegna. Infine, oggi il CDA ha deliberato la sottoscrizione del contratto relativo al bando Simest S.p.A. che prevede un contributo di 1,1 milioni per la realizzazione di un programma di promozione e marketing dei servizi del Gruppo nel mercato statunitense, anche attraverso l’apertura di un ufficio commerciale a New York, opportunità che stiamo vagliando con molto interesse insieme al nostro partner Welcome Travel Group e che potrebbe rappresentare un passo decisivo verso l’internazionalizzazione in un mercato estremamente interessante e strategico per il Gruppo.” Il Valore della Produzione è pari a Euro 6,4 milioni, rispetto a Euro 4,3 milioni nel 2020. La variazione positiva è dovuta ad una crescita lenta ma progressiva delle prenotazioni avvenuta nell’arco dell’anno, risultando determinante il periodo del secondo trimestre, in cui, dopo i lock-down del primo periodo, connessi alla pandemia da Covid-19, sono avvenute le riaperture in tutta Italia e il Governo ha reso pienamente efficaci le misure di intervento nell’economia, anche riconoscendo alle imprese del settore, incluse le società del Gruppo, contributi a fondo perduto. Il Gruppo ha registrato positivi risultati, in termini di fatturato, incrementando del 50% la produzione caratteristica rispetto all’anno 2020. Ciò che occorre sottolineare tuttavia è la diversificazione dei ricavi, in quanto la produzione proviene non solamente dalle linee di ricavo tradizionali relative alle piattaforme di vendita online di proprietà (portalesardegna.com e i siti a marchio Charming), ma anche dai canali di marketing implementati nel biennio 2020-2021, relativi alle partnership commerciali tra cui Tantosvago, a quelli relativi all’offerta extralberghiera connessa alle attività dei Portale Sardegna Point, e infine, in parte alle linee di business messe in produzione, relative alle affiliazioni dei soggetti appartenenti alla rete Welcome to Italy. L’EBITDA si attesta a Euro 0,02 milioni (Euro 0,03 milioni nel 2020). Il dato è stabile rispetto al 2020 nonostante la drastica riduzione dei contributi a fondo perduto. L’EBIT si attesta a -0,11 milioni (in sostanziale pareggio nel 2020), dopo gli ammortamenti della controllata Pavoneggi e svalutazioni per Euro 0,13 milioni (Euro 0,03 milioni nel 2020). Il Gruppo si è avvalso della facoltà di usufruire delle disposizioni in materia di sospensione degli ammortamenti sulle immobilizzazioni, in applicazione della deroga prevista dall’art. 60, comma 7-bis, del D.L. 104/2020 convertito nella L. 126/2020, con un beneficio a conto economico di Euro 525.399. Il Risultato ante imposte è pari a Euro -0,39 milioni (Euro -0,29 milioni nel 2020). Il Risultato netto è pari a Euro -0,23 milioni (Euro -0,23 milioni del 2020). La Posizione Finanziaria Netta è pari a Euro 4,7 milioni (Euro 3,9 milioni al 31 dicembre 2020). La variazione è principalmente dovuta all’assorbimento di liquidità dettata dagli investimenti adottati nell’anno per il progetto Welcome to Italy. A causa del perdurare della pandemia nel corso dell’esercizio il numero delle prenotazioni, nonostante una robusta crescita nel 2021, è ancora distante rispetto ai valori dell’anno 2019. Il Gruppo è comunque dotato di liquidità adeguata (Euro 2,4 milioni al 31 dicembre 2021) e si avvale di potenziali affidamenti inutilizzati che ammontano a Euro 440 mila. Ciò rappresenta un elemento di garanzia alla continuità aziendale negli anni successivi, in grado di sostenere una crescita anche qualora la stessa dovesse essere inferiore rispetto alle attese. Inoltre, al fine di contenere uno scenario di mercato peggiorativo rispetto alle attese, si è scelto anche nell’anno 2021 di rinviare al futuro l’estinzione del debito bancario rimanente, tutelando la liquidità aziendale senza incidere sulla solidità finanziaria. Il Patrimonio Netto è pari a Euro 1,4 milioni (Euro 1,6 milioni al 31 dicembre 2020).