Triboo, ricavi in crescita

Share

Il Consiglio di Amministrazione di Triboo S.p.A riunitosi sotto la Presidenza di Riccardo Maria Monti, ha esaminato l’andamento del Gruppo nei primi tre mesi dell’anno, ed ha approvato selezionati dati finanziari al 31 marzo 2022, non sottoposti ad attività di revisione, con particolare riferimento ai ricavi consolidati, all’EBITDA consolidato e alla posizione finanziaria netta consolidata. In particolare: i ricavi consolidati al 31 marzo 2022 sono pari a 24,8 milioni di euro, in crescita del 13,9% rispetto ai 21,8 milioni di euro al 31 marzo 2021; l’EBITDA consolidato è in crescita del 31,5% (3,9 milioni di euro rispetto a 3,0 milioni di euro al 31 marzo 2021); la posizione finanziaria netta di Gruppo al 31 marzo 2022 è negativa per 7,5 milioni di euro, in miglioramento rispetto ad un indebitamento netto pari a 10,3 milioni di euro al 31 marzo 2021. L’indebitamento netto al 31 marzo 2022 fa essenzialmente riferimento ai debiti finanziari per affitti e leasing, contabilizzati in conformità al principio contabile internazionale IFRS 16, per 8,3 milioni di euro (euro 4,1 milioni al 31 marzo 2021). A livello di singole Divisioni, la divisione Digitale registra ricavi pari a 19,2 milioni di euro con un EBITDA pari a 2,8 milioni di euro, mentre la divisione Media chiude i primi tre mesi dell’anno con ricavi pari a 5,8 milioni di euro con una marginalità pari a 1,2 milioni di euro. “Il primo trimestre 2022 si è chiuso con risultati molto positivi, che danno continuità al percorso di crescita intrapreso da Triboo ed in linea con gli obiettivi del Piano Industriale al 2022. La crescita del Gruppo in termini di EBITDA e ricavi riflette migliori risultati operativi e la continua ottimizzazione della struttura finanziaria. Nel primo trimestre abbiamo posto le basi per un altro anno di creazione di valore per tutti i nostri stakeholder e per rafforzare ulteriormente il ruolo di Triboo come protagonista della transizione digitale e come azienda sempre più attenta al benessere dei propri collaboratori e partner” – commenta Giulio Corno, Amministratore Delegato di Triboo S.p.A.