La Fondazione per l’Educazione Economica (ABI) rafforza l’educazione finanziaria con un nuovo Advisory Board

Share

Un nuovo Advisory Board, rappresentativo del mondo economico non bancario, affiancherà e supporterà il Consiglio di Amministrazione e il Comitato Scientifico della Fondazione per l’Educazione economica e finanziaria (ABI), con l’obiettivo di fornire un nuovo impulso alla propria azione di promotrice dell’educazione finanziaria ed economica in Italia.

Al Comitato, costituito su invito del Presidente della Fondazione Stefano Lucchini, nella foto, hanno aderito: Cristina Catania (McKinsey), Azzurra Caltagirone (Caltagirone Editore), Francesca di Carrobio (Hermès), Andrea Abodi (Istituto per il Credito Sportivo), Francesco Gattei (ENI) e Massimo Lapucci (Fondazione CRT). Presidente dell’Advisory Board sarà Marcello Presicci, docente Luiss Business School e fondatore della Scuola Politica “Vivere nella Comunità” insieme ai Professori Pellegrino Capaldo e Sabino Cassese.

La progettualità del nuovo comitato si baserà su proposte di idee, progetti, sinergie e collaborazioni con altri enti, istituzioni e realtà italiane – ed internazionali – con cui dialogare sui temi dell’educazione finanziaria ed economica.

Costituita dall’ABI nel 2014, la Fondazione per l’Educazione economica e finanziaria rafforza così il proprio ruolo di aggregatore dei tanti soggetti privati del mondo del credito e della finanza che da anni si impegnano per contribuire alla diffusione di una cultura economica di base nel nostro Paese. Con il supporto dell’Advisory Board l’impegno profuso fino ad oggi dalle banche aumenterà la propria forza di impatto per imprimere un effetto sempre più incisivo e determinante al percorso di crescita della cultura di cittadinanza economica degli italiani.

L’educazione finanziaria rappresenta sia uno strumento di tutela e valorizzazione del patrimonio economico individuale e sociale, sia un diritto di cittadinanza richiamato dall’art 47 della Costituzione italiana che sancisce e tutela il diritto al risparmio dei cittadini. Un diritto che tuttavia non può essere esercitato senza una competenza economica di base che consenta di effettuare scelte

consapevoli rispetto ad una risorsa indispensabile e limitata quale è il denaro. Senza dimenticare che l’educazione finanziaria non è veicolo solo di benessere individuale, ma è strumento di inclusione sociale e di funzionalità dei mercati: è qualcosa di indispensabile per il sistema Paese che da una più efficiente gestione delle risorse patrimoniali pubbliche e private potrebbe trarre un beneficio diffuso.

“Desidero ringraziare molto i membri dell’Advisory Board per aver accettato il nostro invito. Educazione finanziaria, cittadinanza attiva e responsabile, sviluppo sostenibile e circolarità sono i temi portanti sui quali la Fondazione lavora per supportare lo sviluppo del capitale umano dei giovani italiani. – ha dichiarato Stefano Lucchini – La forza relazionale e comunicativa, oltre alle profonde competenze dei membri del nuovo Advisory Board, saranno elementi centrali nel processo di rafforzamento dell’azione della FEduF nei confronti della società civile, delle Istituzioni, delle Autorità di Vigilanza e del Governo, nell’esclusivo interesse della comunità.”