Pirelli celebra i 50 anni di Lamborghini Countach con P Zero Corsa

Share

Una collaborazione tecnologica lunga 50 anni. È quella che vede Pirelli (nella foto, l’a. d. Marco Tronchetti Provera) a fianco di Lamborghini nelle diverse versioni di Lamborghini Countach, fino alla nuova Lamborghini Countach LPI 800-4, una serie limitata a 112 esemplari che omaggia la supersportiva prodotta per la prima volta nel 1971. Prosegue così una delle collaborazioni più proficue del mondo automobilistico, quella tra Pirelli e Lamborghini, con un continuo sviluppo di soluzioni tecnologiche d’avanguardia che hanno segnato la storia dell’automobile con al centro prestazioni, sportività e controllo. Una supersportiva da 814 Cv, erogati dal sistema ibrido, e una velocità massima di 355 km/h: è questa la Lamborghini Countach del 2021, un omaggio a un modello che compie mezzo secolo. Pirelli ha gommato la nuova vettura con pneumatici P Zero in misura 255/30 R20 all’anteriore e 355/25 R 21 al posteriore, sviluppati per favorire le performance del veicolo su strada e ottime condizioni in termini di sicurezza, controllo e direzionalità. Struttura e mescola del battistrada consentono che le loro caratteristiche principali siano sintetizzate in ottimi livelli di maneggevolezza in ogni situazione e alti livelli di trazione e frenata su asciutto come su bagnato. Pirelli P Zero nasce come pneumatico Ultra High Performance (UHP) e unisce l’esperienza Pirelli acquisita nell’ambito delle competizioni automobilistiche alla collaborazione con le migliori case auto. Per il guidatore che desidera avere maggiori prestazioni in pista saranno disponibili come optional anche i P Zero Corsa, i pneumatici Pirelli che trasferiscono il meglio della tecnologia motorsport per un uso sia su strada che su pista. Grazie infatti alla bi-mescola del battistrada e al suo disegno asimmetrico, è possibile ottenere il corretto bilanciamento tra velocità elevate che si possono raggiungere in pista e il relativo grip di trazione, a cui si aggiunge un’ottimale resistenza agli elevati stress termodinamici delle alte prestazioni delle auto su cui vengono montati.