È stato un buon 2020 per il settore della nautica: si prevede il boom per il 2021

Share

Il settore della nautica sta regalando “molte soddisfazioni”. Lo dice Stefano Pagani Isnardi, responsabile dell’Ufficio Studi di Confindustria Nautica, presentando le cifre del comparto alla 61° edizione del Salone Internazionale di Genova. “Subito dopo il lockdown c’è stata una stagione assolutamente sconvolgente – ha spiegato – Tutti hanno avuto voglia di mare di barca tanto a fine anno non c’erano più barche in vendita né nuove né usate”. Non solo: nonostante il lockdown produttivo, “i nostri imprenditori sono stati capaci di recuperare e arrivare alla fine della stagione nautica con tutte le barche ordinate in consegna: è stato un grande successo – ha sottolineato Pagani Isnardi – Dopodiché le cose hanno continuato ad andare bene perché i clienti, quindi gli armatori hanno deciso che le vacanze in questo periodo di incertezza potevano essere distanziate, in mare a bordo di una barca. Siamo stati un po’ graziati da questa situazione pandemica”. I dati parlano chiaro: “il 2020 è stato stabile, cosa che nessun altro settore industriale è riuscita ad ottenere. Anzi – ha evidenziato il responsabile dell’Ufficio Studi di Confindustria Nautica – la cantieristica è cresciuta anche di un 1,30%, un dato comunque significativo. Sono cresciuti gli addetti l’anno scorso un +,2, 4 di addetti diretti”. Sul fronte del 2021, “adesso abbiamo appena fatto la stima su quello che sarà la fine del 2021, quindi manca ancora un trimestre che di solito è essenziale perché è quello dove ci sono i saloni nautici internazionali, con gli ordini delle piccole barche per la stagione dopo, e abbiamo visto che potremmo chiudere il 2021 ai livelli di fatturato del 2007-2008 quando c’è stato il tetto massimo della crescita del fatturato della nautica dell’Industria nautica in Italia”. Il dato si traduce, in un “+ 23,8% con una forchetta del 5% a salire o scendere, visto che manca un trimestre – ha osservato Pagani Isnardi – anche se sono ampiamente convinto che sarà a salire. Sono dati veramente soddisfacenti”. Un futuro a vele spiegate per il settore, è il caso di dirlo: “I grandi cantieri di yacht hanno ordini per almeno i prossimi tre anni e, l’unica difficoltà che ci può essere, sarà quella di gestire questo quantitativo di ordini in modo da consegnare le barche senza penali, in modo puntuale, con i clienti contenti. Il quadro -ha concluso il responsabile dell’Ufficio Studi di Confindustria Nautica – è veramente positivo e siamo tutti contenti”. A giocare un ruolo fondamentale è anche il Salone Nautico di Genova, considerato “uno degli elementi strategici per promuovere le nostre produzioni, non solo in Italia ma anche all’estero. Esportiamo – ha evidenziato Pagani Isnardi – l’86% del fatturato della cantieristica ed è lì che dobbiamo guardare”.