Volotea condannata da Antitrust per pratica commerciale scorretta. Denuncia Aduc

Share

Su segnalazione di Aduc, l’Antitrust * ha condannato la compagnia aerea Volotea a 1 milione 400 mila euro di multa per pratica commerciale scorretta. Si tratta di pratiche che il vettore ha messo in atto a partire dai primi di giugno dell’anno scorso, applicando la normativa emergenziale Covid a tutta la propria attività anche quando non avrebbe dovuto farlo.
Voli che venivano cancellati per motivi propri venivano spacciati per cancellazioni Covid e, di conseguenza, si costringevano i passeggeri ad accontentarsi del voucher e non del rimborso, rimborso che comunque il passeggero avrebbe potuto scegliere invece del voucher, ma che il vettore spacciava come unica opzione prevista dalla legge. Voucher che venivano erogati con importi inferiori a quelli pagati dal passeggero. Passeggeri che non potevano partire perché residenti in zone che non potevano abbandonare causa epidemia, e a cui veniva negato il voucher ma solo una nuova prenotazione. Passeggeri che usavano solo parte dell’importo del voucher e che si vedevano negato l’importo rimanente, spacciando per norma un loro abuso.

Grazie all’Antitrust arriva la conferma che è importante denunciare e non farsi mettere i piedi in testa dall’arroganza di un vettore aereo, Volotea nel caso odierno, che è convinto di godere di una sorta di immunità, giocando sul proprio credersi una sorta di Golia contro cui il piccolo Davide dovrebbe/potrebbe intimorirsi. Ma Davide, anche grazie ad Aduc ed Antitrust, ha forza e volontà per rivendicare il primato del diritto.