Poste Italiane, l’utile netto cresce del 46%. I ricavi aumentano del 9,8%

Share

Ieri, il Consiglio di Amministrazione di Poste Italiane S.p.A. (nella foto, il condirettore generale Giuseppe Lasco), presieduto da Maria Bianca Farina, ha approvato i risultati finanziari per il primo trimestre del 2021 (non sottoposti a revisione contabile).  il gruppo ha chiuso i risultati del primo trimestre 2021 con una forte crescita dell’utile netto: +46% rispetto allo stesso periodo del 2020, a 447 milioni; +40,8% per il risultato operativo con un Ebit a 620 milioni. I ricavi aumentano del 9,8%, a 2,93 miliardi.

Questi i principali trend operativi dei segmenti nel primo trimestre 2021.

  • Corrispondenza, pacchi e distribuzione: crescita impressionante dei volumi di pacchi in tutta la gamma dei prodotti (B2C +88%; B2B +45% e C2X +41%), con ricavi da pacchi ad un livello record di € 368 milioni (+74,5% A/A). Nuovo centro di smistamento automatico pacchi (capacità giornaliera di 270 mila unità), ora operativo nel Nord Italia. La joint venture con Sengi contribuisce, inoltre, alla diversificazione della base dei clienti con volumi internazionali in crescita (7 milioni di pacchi nel trimestre). L’integrazione con Nexive è in fase di esecuzione, con l’avvio della riorganizzazione.
  • Servizi finanziari: lanciato nei canali della rete di vendita il nuovo “modello basato sulle esigenze del cliente”, a supporto dei consulenti finanziari. Successo nell’attività di acquisto di crediti d’imposta, che contribuisce ad aumentare la base dei clienti retail e business, e fornisce una spinta ulteriore al potenziale cross selling. Nuova offerta digitale e automatizzata di distribuzione del risparmio postale, a supporto di una maggiore penetrazione sui canali digitali della nostra offerta di prodotti finanziari.
  • Servizi assicurativi: i prodotti assicurativi multiramo del comparto Vita continuano ad avere successo e rappresentano ora la metà dei premi lordi contabilizzati; crescita del ramo danni grazie all’offerta modulare, che fornisce soluzioni flessibili e personalizzate per i bisogni di protezione dei nostri clienti.
  • Pagamenti e mobile: incremento pari al 51% delle transazioni di e-commerce a supporto della strategia digitale, che segue l’evoluzione delle abitudini di spesa dei nostri clienti; progetto pilota sulla banda larga lanciato con successo per i dipendenti, in vista dell’estensione dell’offerta a tutti i clienti, prevista per la fine di maggio, con l’obiettivo di cogliere la crescita nel mercato della banda larga italiano; nuovo contratto siglato con Vodafone, che consentirà la riduzione dei costi del traffico nei servizi telco a partire dalla seconda metà dell’anno.

Ecco gli altri principali risultati del primo trimestre.

  • Brand Finance Institute “Insurance 100”: classificato al primo posto nel mondo, per il secondo anno consecutivo, come “marchio assicurativo più forte”, con un punteggio del Brand Strength Index (BSI) pari a 86,2 su 100 e una valutazione corrispondente della forza del marchio con un rating “AAA”.
  • Intranet Italia Champions del 2020: l’app NoidiPoste è stata premiata come migliore app a supporto del portale intranet aziendale per i dipendenti di Poste, grazie alla fruibilità e alla capacità di facilitare il lavoro a distanza, supportando i flussi di comunicazione interna e semplificando l’accesso ai servizi aziendali per i dipendenti.
  • Postepay Green: lanciata una carta dedicata alla fascia di età dai 10 ai 17 anni, in materiale biodegradabile e riciclabile, con funzionalità supportate dall’app Postepay per pagamenti intelligenti, pagamenti sui mezzi del trasporto pubblico e tramite codice QR, consentendo inoltre l’accesso al programma fedeltà “ScontiPoste”.
  • Cassette postali “smart”: lancio di innovative cassette postali “smart” con sensori per la raccolta e la visualizzazione di dati atmosferici e meteorologici come la pressione atmosferica, la temperatura e l’inquinamento da polveri sottili. I dati raccolti possono essere utilizzati dalla Pubblica Amministrazione per la riduzione del traffico e dello smog. Gli schermi touch screen possono essere utilizzati anche per informazioni e pubblicità.
  • Fishbowl Generation: nell’ambito del programma Diversity & Inclusion è stato avviato un progetto per colmare il divario tra colleghi di diverse età all’interno di Poste Italiane con l’obiettivo di facilitare una società più inclusiva. È iniziata una sperimentazione con 120 dipendenti provenienti da tutte le divisioni del Gruppo.
  • Poste Centro Medico: avviato il primo centro medico di Poste in Italia, ubicato nell’head quarter di Roma. Il primo centro del genere nel paese, in cui specialisti di tutte branche della medicina sono a disposizione dei dipendenti, degli ex-dipendenti e delle rispettive famiglie. Il centro di 550 metri quadrati, che rientra nel piano Poste Welfare per i dipendenti, agevola l’accesso ai migliori servizi medici erogati da specialisti, eliminando o riducendo drasticamente il tempo di fruizione del servizio dovuto allo spostamento o di attesa.

Così l’a. d. Matteo Del Fante, nella foto a destra, ha commentato i risultati del gruppo: “Abbiamo avviato con decisione l’esecuzione del nuovo piano strategico “2024 Sustain & Innovate”. Cogliendo opportunità di business e cavalcando il miglioramento delle prospettive economiche, abbiamo conseguito una performance finanziaria solida già nel primo trimestre.
Il forte incremento dei ricavi da pacchi, ottenuto grazie al raddoppio dei volumi B2C, la continua crescita dei pagamenti con carta e il costante sviluppo della nostra attività assicurativa rafforzano la nostra determinazione ad attuare con successo il nuovo piano strategico.
I risultati sono particolarmente positivi se si tiene conto che nel corso del trimestre diverse regioni italiane sono state sottoposte a misure parziali di lockdown.
Ci siamo adattati e continuiamo ad evolverci in un mondo che cambia, fornendo al contempo tutti i nostri servizi con un’attenzione costante alle preferenze ed esigenze dei nostri clienti.
Sono soddisfatto dei risultati raggiunti in termini di ricavi e costi; siamo ora concentrati sul nostro crescente ruolo di pilastro strategico a sostegno dell’Italia, grazie alla nostra presenza omnicanale e alle nostre straordinarie persone.
Sin dai primi giorni della pandemia dello scorso anno, il nostro business diversificato ha dimostrato quella capacità di recupero fondamentale per garantire l’integrità finanziaria di Poste Italiane. Siamo sempre a fianco dei nostri clienti, colleghi e comunità al momento del bisogno; al contempo conseguiamo risultati ragguardevoli in ogni trimestre per i nostri azionisti. In questa fase della pandemia, continuiamo ad essere un operatore di riferimento per sostenere la ripresa economica.
Sono inoltre particolarmente orgoglioso della nostra collaborazione con l’Esercito Italiano nell’ambito del piano di somministrazione nazionale dei vaccini: un bacino potenziale del 37% della popolazione verrà vaccinato grazie alle dosi prenotate sulla nostra piattaforma Cloud e consegnate da Poste Italiane.
Mentre continuiamo ad avanzare rispetto ai nostri obiettivi strategici, crescendo in aree chiave e accelerando la nostra trasformazione digitale, siamo anche consapevoli del fatto che il nostro successo non è soltanto misurato dalla performance finanziaria, ma anche da come agiamo in modo responsabile a servizio del Paese.
Siamo motore del cambiamento e con la capillarità della nostra rete fisica faciliteremo la transizione digitale dell’Italia, anche attraverso il nostro coinvolgimento nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Ora, più che mai, siamo nella posizione migliore per sostenere l’economia, giocando un ruolo chiave nella società per costruire valore di lungo termine e generare rendimenti sostenibili per i nostri azionisti”.