Intesa Sanpaolo, nel 2020 For Funding è la piattaforma che ha raccolto più donazioni in Italia

Milano, 20 nov. (askanews) - Anche Intesa Sanpaolo, in occasione della Giornata nazionale degli alberi del 21 novembre, pianterà 8mila nuovi alberi, in occasione della ripartenza di ForestaMi, la campagna di forestazione di Milano e della sua città metropolitana che ha l'obiettivo di piantare, entro il 2030, tre milioni di alberi nell'area milanese. Per il gruppo bancario la scelta di prendere parte attiva a Forestami rientra nelle logiche della banca d'impatto per favorire e accelerare la transizione verso la sostenibilità in senso trasversale. "Questa iniziativa importante - ha commentato Andrea Lecce, responsabile direzione Sales&Marketing privati e aziende retail di Intesa Sanpaolo - si inserisce coerentemente all'interno di una nostra più ampia progettualità che ci vedrà impegnati, anche nel corso del 2021, nel sensibilizzare le persone alla salvaguardia dell'ambiente e nel ridurre ulteriormente le emissioni attraverso comportamenti sostenibili incentivando, per esempio, le attività digitali anche in campo commerciale. È infatti nostro obiettivo strategico, a livello di Gruppo, continuare a essere il punto di riferimento in termini di sostenibilità e responsabilità sociale e culturale: a tal fine abbiamo messo a disposizione 50 miliardi di euro per finanziare l'economia verde e realizzare il Green Deal europeo in Italia, ampliando le nostre proposte per investimenti in ambito ESG e costruendo un'offerta Green su prestiti e mutui per i nostri clienti che acquistano o riqualificano immobili ad alta efficienza energetica". Gli obiettivi del progetto Forestami sono aumentare le aree verdi urbane; ridurre l'inquinamento atmosferico e del terreno; ridurre i consumi energetici, valorizzando gli immobili; connettere le aree verdi e migliorare il benessere dei cittadini.
Share

For Funding, la piattaforma di crowdfunding di Intesa Sanpaolo, con 9,76 milioni di euro raccolti nel 2020 si colloca al top della classifica delle 25 piattaforme italiane della tipologia Donation e Reward secondo il report 2020 di Starteed “Il crowdfunding in Italia”. Il report, nato nel 2015 come una mappatura delle principali tendenze del mondo della raccolta fondi in Italia, negli anni è diventato un punto di riferimento per l’analisi dello stato di salute dell’intero settore.

In un contesto economico e sociale in forte evoluzione caratterizzato dalla pandemia, il crowdfunding si è dimostrato uno strumento resiliente e utile anche a integrarsi con i sistemi di finanziamento tradizionali. Nel report, che conteggia le piattaforme di diritto italiano, emerge anche l’aumento della propensione al dono degli italiani, rivolta non solo a campagne destinate all’emergenza sanitaria e la costante crescita del lending (+75%), ovvero il prestito di capitali, dal quale deriva più della metà della raccolta del crowdfunding.

For Funding, nata tre anni fa, consente alle persone – fisiche e giuridiche – di donare e prestare denaro a soggetti del Terzo Settore in modo diretto, senza l’utilizzo di intermediari e senza commissioni a carico del donatore o del beneficiario. Inoltre, tramite la propria organizzazione e infrastruttura, Intesa Sanpaolo garantisce sicurezza e trasparenza, con una rendicontazione pubblica sia sull’andamento della raccolta, sia sul successivo utilizzo del denaro.

Andrea LecceResponsabile Sales & Marketing Privati e Aziende Retail Intesa Sanpaolo, ha commentato: “In tre anni di attività forfunding.it ha raccolto complessivamente 13 milioni di euro di cui 5,3 milioni per l’emergenza Coronavirus. 56 mila persone o aziende hanno contribuito con la loro generosità a sostenere le oltre 200 iniziative che abbiamo selezionato. Forfunding assolve il compito di mettere in connessione donatori e organizzazioni Non Profit, confermando la vocazione della Banca a sostenere importanti progetti di solidarietà sociale. In occasione dell’emergenza sanitaria, la piattaforma ha giocato un ruolo fondamentale con ventidue campagne di raccolta relative al Covid-19 che si sono aggiunte al nostro grande impegno diretto per la sanità italiana e per il sociale. Inoltre, da luglio insieme a Mastercard il progetto si è esteso sui canali digitali attivando le donazioni anche tramite gli sportelli ATM”.