Con il lockdown musica in streaming a +35%

Share

Analisti, boom abbonamenti nel primo trimestre, domina Spotify

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è streaming-digitale.jpg

Il coronavirus e il conseguente lockdown hanno spinto il mercato della musica in streaming. Tra gennaio e marzo gli abbonamenti ai servizi come Spotify e Amazon Music sono infatti aumentati del 35% su base annua, raggiungendo i 394 milioni su scala globale. Lo certificano gli analisti di Counterpoint.

A trainare, oltre ai periodi di prova gratuiti e agli sconti nei mercati emergenti, è stato l’ascolto da casa su smart speaker e tv, mentre sono diminuite le ore d’ascolto su Android Auto di Google e Car Play di Apple. A livello geografico, la crescita più consistente si è registrata in Asia Pacifico e America latina.

Tra le aziende Spotify conferma la leadership. Nel primo trimestre l’azienda svedese ha conquistato il 33% degli abbonamenti e il 30% dei ricavi complessivi. Segue Apple Music con il 21% degli abbonati e il 25% delle entrate. Raggiunge il terzo posto Amazon Music, che nel trimestre ha raddoppiato (+104%) il numero di abbonati ottenendo una market share del 12%. YouTube Music conta il 9% degli abbonati totali e Pandora il 5%, mentre tutti gli altri servizi, nel complesso, rappresentano il 19%.

Ansa

Share
Share