Da oggi potrai far riparare un iPhone in un negozio indipendente

Share

Apple ha portato anche in Italia una iniziativa avviata negli Stati Uniti l’anno scorso, attraverso la quale ha dato ai negozi indipendenti la possibilità di riparare gli iPhone dei clienti con parti originali e tecniche precedentemente in uso solamente presso i centri autorizzati dalla casa di Cupertino.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è riparare-iphone.jpg

Ormai quasi un anno fa Apple aveva avviato negli Stati Uniti un programma che permetteva ai negozi indipendenti di riparare gli iPhone dei loro clienti con parti originali e seguendo le procedure ufficiali adottate nei centri autorizzati dalla casa di Cupertino. L’iniziativa ha avuto un certo successo e ha dato vita a circa 700 centri di riparazione indipendenti dove gli utenti Apple possono ora portare il loro telefono senza doversi recare in un Apple Store o mandare il dispositivo in assistenza; per questo motivo l’azienda ha deciso di estendere la portata del programma al Canada e ai Paesi europei, Italia inclusa.

L’annuncio è arrivato direttamente da Apple, che porterà sul nostro territorio il suo Independent Repair Provider Program con le medesime caratteristiche che ne hanno decretato il successo negli Stati Uniti. In particolare, tutte le aziende interessate, che siano appena nate o che già operino nel settore della riparazione dei dispositivi elettronici, avranno accesso alle componenti originali realizzate dai fornitori di Apple, che potranno essere utilizzate per sostituire quelle difettose o danneggiate all’interno degli iPhone dei clienti. Le parti saranno fornite al medesimo prezzo praticato nei confronti dei centri di riparazione certificati e permetteranno di riportare in vita gadget danneggiati senza innescare messaggi di errore o sistemi di protezione come avviene nel caso di riparazioni non autorizzate.

Per entrare a far parte del programma, gli esercizi commerciali interessati devono fare richiesta ad Apple fornendo al gruppo una documentazione sommaria sulla propria attività. Soprattutto però i negozi dovranno assicurare che gli unici addetti autorizzati a mettere le mani sugli iPhone saranno tecnici precedentemente approvati dalla casa di Cupertino attraverso il superamento di appositi esami online. A questi negozi e al loro personale, Apple fornirà non solo un canale di approvigionamento ufficiale per le componenti originali dei dispositivi, ma anche la documentazione tecnica e i manuali necessari a operare su un iPhone esattamente come avverrebbe in un centro autorizzato.

Trovare immediatamente un negozio che aderisca all’iniziativa lanciata da Apple potrebbe non essere semplice, ma dovrebbe essere questione di pochi giorni o settimane affinché le prime attività indipendenti entrino a far parte del programma attirate dalla prospettiva. La speranza del gruppo è che gli utenti iPhone possano così far riparare più facilmente i loro dispositivi anche lontano dai grandi centri abitati e dai centri di assistenza che servono queste zone.

Fanpage

Share
Share