Il Commodore Vic-20 sta tornando, a ottobre in commercio l’edizione rinnovata

Share

Il celebre computer domestico entrato in commercio all’inizio degli anni ’80 sarà protagonista di una operazione nostalgia con l’arrivo nei negozi di una riproduzione fedele nell’estetica e in alcune delle funzionalità offerte. Il nuovo dispositivo includerà 64 giochi provenienti dal catalogo originale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Commodore-Vic-20.jpg

Il mondo dei computer e dei videogiochi fa passi da gigante in lassi di tempo relativamente brevi, ma chi ha iniziato a giocare negli anni ’80 e ’90 rimarrà sempre affezionato a quell’epoca, in cui i mondi virtuali rappresentati sullo schermo erano composti da una manciata di pixel.
È a questo pubblico che è dedicato il ritorno del Commodore Vic-20, celebre computer domestico entrato in commercio nel 1981 che sta per tornare nei negozi in una riproduzione che ne ricalca l’aspetto estetico riportando alla luce alcuni dei suoi giochi più apprezzati.
Il gadget si chiama TheVIC20 ed è stato realizzato da Retro Games Ltd e Koch Media. I due gruppi si sono già impegnati l’anno scorso a riportare sul mercato un altro gadget rimasto nel cuore dei nostalgici, ovvero il Commodore 64, ma non sono gli unici che nell’ultimo decennio si sono lanciati nel business delle macchine da gioco vintage.
Nintendo ha riscosso un particolare successo riportando sul mercato edizioni mini delle sue console a 8 bit Nintendo e Super Nintendo, Sega ha fatto lo stesso con il suo Mega Drive e numerosi protagonisti degli ultimi decenni del secolo scorso sono seguiti a ruota — dal Neo Geo Mini al TurboGrafx-16 Mini.

A differenza di questi ultimi progetti basati su riproduzioni in scala ridotta degli originali, TheVIC20 è una riproduzione il più possibile fedele di quello che fu l’originale: le dimensioni sono le stesse così come la distribuzione dei tasti sulla tastiera e l’aspetto del joystick, con i suoi tasti rosso acceso e l’ingombrante pomello superiore. Cambia ovviamente la dotazione hardware: il gadget in uscita è mosso da un processore moderno che emula il comportamento dei chip originali e legge i dati non da cartucce né da cassette magnetiche, ma da una memoria a stato solido nella quale sono memorizzati 64 giochi tra i quali Arcadia, Boulder Dash, California Games, Laser Zone e Paradroid.

A bordo sono presenti inoltre 4 porte USB e una uscita HDMI per poter collegare il dispositivo a periferiche in uso ancora oggi, come ad esempio un TV moderno. L’uscita è prevista per il 23 di ottobre, praticamente alla vigilia dei 40 anni dall’arrivo sul mercato del Vic-20 originale; il prezzo fissato per l’acquisto è di 119 euro.

Fanpage

Share
Share