Università: niente più tasse con ISEE sotto 20mila euro

Share

Pubblicato sul sito del Ministero dell’Università e Ricerca il dl No Tax Area.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Università-1.jpg

Pubblicato sul sito del Ministero dell’Università e Ricerca il dl No Tax Area, il decreto che (d.m. 234/2020) relativo all’estensione dell’esonero dal contributo onnicomprensivo annuale per l’iscrizione alle Università Statali previsto dal decreto legge del 19 maggio scorso. Il decreto mantiene la promessa di abbassare ancora le tasse alzando – come più volte rimarcato dal ministro Gaetano Manfredi

Il livello del diritto allo studio per una platea più ampia di giovani italiani. Confermato l’accesso gratuito alle Università statali per gli studenti che hanno un Isee entro i 20mila euro, quanto si conferma nel dl appena pubblicato. In attuazione dell’art. 236 del d.l. del 19 maggio scorso, “le università statali, provvedono, con riferimento alle iscrizioni ai corsi di laurea e di laurea magistrale, per l’anno accademico 2020/2021 all’esonero totale dal contributo onnicomprensivo annuale degli studenti che appartengono a un nucleo familiare il cui indicatore della situazione economia equivalente (Isee), sia non superiore a 20.000 euro” si legge nel decreto firmato dal ministro Gaetano Manfredi.

E ancora: sconti fino all’80% sulle tasse universitarie degli atenei statali per gli studenti che hanno un Isee fra i 20mila ed i 30mila euro annui. In particolare, per i corsi di laurea e di laurea magistrale per l’anno accademico 2020-2021, le università provvedono “ad incrementare l’entità dell’esonero parziale dal contributo onnicomprensivo annuale degli studenti che appartengono a un nucleo familiare con Isee superiore a 20.000 euro e non superiore a 30.000 euro, graduando in misura decrescente (dall’80% al 10% ndr.) la percentuale di riduzione rispetto all’importo massimo del predetto contributo”, si legge nel decreto.

Nel dettaglio:

  • con un Isee fra i 20 ed i 22mila euro la riduzione delle tasse universitarie prevista è dell’80%;
  • con un Isee fra 22-24mila euro il taglio è del 50%,
  • con Isee fra 24-26mila euro le tasse sono ridotte del 30%,
  • con un Isee fra 26-28mila euro c’è una riduzione del 20%,
  • con un Isee fra 28-30mila euro lo sconto sulla tassa universitaria è del 10%.

Per tagliare le tasse agli studenti universitari il ministero dell’Università e Ricerca ha stanziato 165 milioni di euro complessivi. Stando ai criteri di riparto del Dl No Tax Area, l’importo complessivo di 165 milioni di euro – a valere sul Fondo per il finanziamento ordinario – è suddiviso in 50 milioni di euro destinati al totale taglio del contributo unico universitario per gli studenti con Isee entro i 20mila euro, e in 65 milioni di euro destinati a coprire gli sconti fino all’80% per coloro che hanno un Isee tra 20-30mila euro. I rimanenti 50 milioni di euro, si legge nel decreto firmato dal ministro Gaetano Manfredi, sono infine destinati agli ulteriori interventi previsti di esonero “autonomamente definiti dalle università, in relazione alle condizioni specifiche in cui ciascun Ateneo si troverà ad operare nel prossimo anno accademico”.

E in questa emergenza Covid-19, la misura prevede che gli atenei possano operare una ulteriore ‘sforbiciata’ delle tasse universitarie in base alla situazione economica della famiglia dello studente. La norma introduce anche “l’autocertificazione totale o parziale” di “specifiche categorie di studenti individuate in relazione alla particolare situazione economica personale” e “tenuto conto della carriera universitaria individuale”.


Libero.it

Share
Share