Assegno unico per i figli dalla nascita fino a 21 anni, a vita e maggiorato per i disabili

Share
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è elena-bonetti.jpg

«L’assegno universale prevede che le famiglie ricevano un assegno per ciascun figlio dalla nascita ai 21 anni di età. È prevista una maggiorazione dal terzo figlio». Lo ha detto la ministra per le Pari opportunità e la Famiglia Elena Bonetti ad Agorà. ««Nel caso di figli disabili l’assegno universale prevede una maggiorazione tra il 30 e il 50%, e sarà esteso per tutto l’arco della vita». «L’assegno unico universale per le famiglie sarà erogato con semplicità a tutte le famiglie, senza dover fare nulla di particolarmente complicato per ottenerlo.

Le famiglie potranno contare su questa cifra tutti i mesi, sarà erogata con semplicità», ha continuato la ministra spiegando che «stiamo lavorando perché arrivo dal prossimo anno».

«Proprio ieri si è svolta alla Camera la discussione generale sull’assegno unico familiare, che è la prima misura del Family Act che prenderà forma. Ieri abbiamo proceduto con grande celerità utilizzando il canale parlamentare già avviato da una proposta di legge. Ho apprezzato il contributo di tutte le forze di opposizione nel dibattito, quindi da questo punto di vista è un provvedimento che riconcilia il paese», dice Bonetti.


Leggo.it

Share
Share