Potere acquisto degli italiani si riduce (-1,7%): «Caduta limata da aiuti»

Share
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è consumo.jpg

Nel primo trimestre del 2020 il reddito lordo disponibile delle famiglie è sceso dell’1,6% rispetto al trimestre precedente. Lo rileva l’Istat, spiegando che il reddito in termini reali, ovvero il potere d’acquisto, è calato dell’1,7%. «Le misure di sostegno ai redditi introdotte per contenere gli effetti negativi dovuti all’emergenza sanitaria hanno limitato in misura significativa la caduta del reddito disponibile e del potere di acquisto delle famiglie», sottolinea l’Istat nel commento ai dati.

Aumenta la pressione fiscale
Sale intanto la pressione fiscale nel primo trimestre è stata pari al 37,1%, in crescita di 0,5 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Sale deficit primo trimestre, 10,8% con spese Covid
Balza nel primo trimestre di quest’anno al 10,8% il rapporto tra deficit e Pil. Lo rileva l’Istat, ricordando che nello stesso periodo del 2019 si fermava al 7,1%. L’incidenza dell’indebitamento sul Prodotto interno lordo «è sensibilmente aumentata» per «la riduzione delle entrate e l’aumento delle uscite», che includono – spiega lo stesso Istat – «le spese straordinarie per cassa integrazione guadagni e varie tipologie di indennità relative al mese di marzo», finalizzate ad affrontare l’emergenza.

Profitti imprese +0,4% nel trimestre, giù investimenti
La quota di profitto delle società non finanziarie è risultata pari al 42,3% nel primo trimestre, in aumento di 0,4 punti percentuali rispetto agli ultimi tre mesi del 2019. Lo comunica l’Istat, sottolineando che il tasso di investimento, pari al 20,9%, è diminuito di 0,4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

Corriere Della Sera

Share
Share