Gruppo San Donato, nuovi arrivi nei Cda

Share

Nuovi ingressi nei consigli di amministrazione degli ospedali del Gruppo San Donato, che controlla  Policlinico San Donato, Ospedale San Raffaele, Casa di Cura La Madonnina, Istituti Clinici Zucchi, Istituto Clinico Villa Aprica, Istituti Ospedalieri Bergamaschi e H San Raffaele Resnati. Invariata la governance degli ospedali del Gruppo e della capofila, Policlinico San Donato, con presidente Angelino Alfano e vice presidente Paolo Rotelli, insieme a Kamel Ghribi, che mantiene la carica di presidente del GSD Middle East. Nel consiglio di amministrazione composto da Federico Ghizzoni, Marco Rotelli, Nicola Grigoletto e Vittorio Emanuele Falsitta entra Augusta Iannini, Vice Presidente dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali e già a capo dell’Ufficio Legislativo del Ministero della Giustizia. La stessa Iannini entra anche nel consiglio di amministrazione dell’Ospedale San Raffaele, insieme ai consiglieri Patrick Cohen, amministratore delegato del Gruppo Axa Italia e a Flavio Valeri, già amministratore delegato di Deutsche Bank Ag. Roberto Maroni, fino al 2018 governatore di Regione Lombardia, due volte Ministro dell’Interno e Ministro del Lavoro, è stato nominato consigliere per gli Istituti Clinici Zucchi, storica struttura brianzola del Gruppo San Donato. Per il consiglio di amministrazione della Casa di Cura La Madonnina entrano i consiglieri Ilaria Romagnoli, Head of Italy Wealth Management di Rothschild e Caterina Bima, notaio.
Per gli Istituti Ospedalieri Bergamaschi, entra nel consiglio di amministrazione l’avvocato Angelo Capelli, dello Studio Legale Associato Capelli & Baranca di Bergamo. Gianni Papa, già direttore generale di Unicredit, viene nominato consigliere del consiglio di amministrazione dell’Istituto Clinico Villa Aprica, nonché di H San Raffaele Resnati.
Paolo Rotelli, nella foto, vice presidente del Gruppo San Donato, ha dichiarato: “Con questi nuovi ingressi proseguiamo nel percorso di crescita e integrazione di importanti competenze e professionalità che abbiamo impostato negli ultimi tre anni. Dopo l’impegno in prima linea nell’emergenza Covid-19, oggi ci prepariamo alle sfide che attendono il sistema sanitario italiano, certi di poter offrire un contributo scientifico e sanitario straordinario. Ringrazio i consiglieri uscenti per la collaborazione e l’impegno”.

Share
Share