Confindustria: a maggio produzione -33% su anno, “si rischia l’esplosione di un’emergenza sociale”

Share

Nel secondo trimestre attesa in calo di un quarto sul primo. “Servono adeguati interventi per la ripresa del sistema produttivo”

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è confindustria-2-scaled.jpg

“Molti imprenditori soffrono per la carenza di liquidità a causa del blocco normativo delle attività nei mesi scorsi. Per il momento molti sono costretti a navigare a vista, anche a causa di uno scenario di estrema incertezza sull’economia italiana e internazionale. In assenza di adeguati interventi a sostegno della ripresa del sistema produttivo, nel giro di pochi mesi si rischia l’esplosione di una vera e propria emergenza sociale che renderà ancora più impervia la strada verso l’uscita dall’attuale crisi economica”. Lo afferma il Centro studi di Confindustria.

Produzione industriale a maggio -33,8% sull’anno
Con le riaperture di maggio la produzione industriale italiana recupera, ma resta lontana dai livelli di un anno fa e nel secondo trimestre è attesa diminuire di circa un quarto rispetto al primo. E’ quanto indica il Centro studi di Confindustria, rilevando che in maggio la produzione è diminuita del 33,8% rispetto ad un anno prima, dopo il -44,3%rilevato in aprile sempre nel confronto annuo. In termini congiunturali, ovvero rispetto al mese precedente, si è avuto un rimbalzo del 31,4% in maggio, dopo una caduta del 24,2% in aprile. La variazione acquisita della produzione industriale nel secondo trimestre è di -27,7% sul primo trimestre, quando era diminuita dell’8,4% sul quarto trimestre 2019.

Se anche in giugno procedesse “la lenta ripresa della domanda”, nella media del secondo trimestre si avrebbe comunque “una riduzione di oltre il 20%dell’attività”, afferma infatti il Csc .Per quanto riguarda gli ordini in volume sono diminuiti del 51,6% annuo in maggio (+12,3% sul mese precedente) e del 29,6%in aprile (-43,7% su marzo). Nei due mesi di rilevazione, l’attività nell’industria ha mostrato, in termini congiunturali, una dinamica “molto oscillante”, segnala il Centro studi di Confindustria. Alla caduta della produzione in aprile è infatti seguito un rimbalzo”tecnico” in maggio, spiegato da un effetto base, dovuto ai livelli estremamente bassi raggiunti nel mese precedente. In aprile, infatti, i volumi di attività nell’industria erano circa la metà di quelli rilevati nella media del primo bimestre dell’anno. Con la riapertura di tutte le imprese industriali a inizio maggio e di quasi tutte quelle dei servizi nel corso dello stesso mese, si è avuto “un marginale aumento” della domanda; in condizioni di bassi livelli di attività, anche minimi progressi dei volumi – sottolinea ancora il Csc – si traducono in significativi incrementi percentuali. Il dato congiunturale di maggio, dunque, “è viziato da questo effetto statistico e non deve essere interpretato come una robusta ripresa. Tutt’altro. La caduta di circa un terzo della produzione industriale rispetto a maggio 2019 offre la giusta chiave di lettura e mostra quanto siano ancora distanti da una situazione di ‘normalità’ le condizioni nelle quali opera l’industria italiana”.

Rainews.it

Share
Share