Banca Sella raddoppia la somma raccolta dai dipendenti, da destinare all’ospedale di Biella

Share

La raccolta fondi lanciata tra i dipendenti dal gruppo Sella (nella foto, il CEO Pietro Sella) ha permesso di raccogliere in due settimane la somma di 36.920 euro da destinare all’ospedale degli Infermi di Biella. Il Gruppo ha raddoppiato l’importo, portando così la cifra a favore della struttura sanitaria biellese a 73.840 euro. I fondi sono destinati a sostenere il Pronto soccorso e i reparti di rianimazione e semintensiva, oltre ad ogni altra necessità sanitaria che si renderà prioritaria in questo momento di emergenza a causa della diffusione del contagio da Coronavirus.
La raccolta fondi tra i dipendenti del gruppo Sella è stata lanciata a metà marzo e proseguirà anche per tutto il mese di aprile.
I dipendenti potranno ora scegliere di destinare la propria donazione – che sarà raddoppiata dal Gruppo – all’ospedale Amedeo di Savoia di Torino o all’ospedale Cardinale Giovanni Panico di Tricase, in provincia di Lecce.
Questi fondi vanno ad aggiungersi ai circa 250 mila euro che il gruppo Sella, attraverso tutte le sue società, ha destinato in favore di organizzazioni e strutture sanitarie impegnate a fronteggiare l’emergenza. In particolare la somma è stata destinata all’Ospedale degli Infermi di Biella, all’Unità di crisi della regione Piemonte che sta raccogliendo fondi per tutti gli ospedali della regione, alla Fondazione Buzzi e all’ospedale ASST Fatebenefratelli Sacco di Milano.
All’ospedale di Biella, inoltre, è già operativo l’apparecchio per la diagnostica della funzionalità polmonare che è stato donato dal gruppo Sella attraverso l’associazione Amici dell’ospedale. 
Il gruppo Sella ha avviato anche interventi per sostenere l’economia in questo momento. In particolare, Banca Sella ha lanciato un pacchetto di finanziamenti agevolati in favore di famiglie e imprese, con due plafond per un importo complessivo di 15 milioni di euro, per l’acquisto di computer e altri dispositivi digitali ed ha attivato su tutti i propri canali digitali la procedura attraverso la quale famiglie e imprese in difficoltà possono richiedere direttamente on line e senza necessità di recarsi in succursale la sospensione del pagamento delle rate del finanziamento o della sola quota capitale.

Share
Share