Il borsino dei direttori generali, quando l’emergenza sarà finita qualche poltrona salterà

Share

Lascia che finisca questa maledetta emergenza da coronavirus e si faranno i conti. Pare che sarà necessario muovere diverse pedine sulla scacchiera, secondo il più classico degli effetti- domino. Per ragioni incomprensibili è possibile che restino al loro posto Dg che in questo momento stanno mandando a fondo le rispettive aziende. Questioni politiche. Invece si dice che Santonocito non regge Tivoli (o Tivoli non regge Santonocito) . Gli avrebbero promesso il S. Andrea se si riuscirà a spostare l’attuale Dg in Regione al posto di Botti, il potente direttore regionale in predicato di andare a dirigere l’Agenas. Giochi interni, si continua a pensare di poter muovere le pedine senza pagare pegno.

Livio De Angelis – Numero Unico Emergenza – voto 10. Migliaia di telefonate filtrate, una macchina perfetta che rappresenta ancora l’arma migliore per ridurre l’impatto con il Coronavirus e i danni collaterali.

Giorgio Santonocito – Asl Roma 5 – voto 5. Si sta perdendo il controllo della situazione, il quadro è complicato e i positivi crescono. Qualcuno chiede addirittura il commissariamento dell’azienda.

Vincenzo Panella – Policlinico Umberto I – voto 4. Un disastro irrecuperabile. Forse un cambio in corsa appena terminata l’emergenza da coronavirus.

.,,

Tiziana Frittelli – Policlinico Tor Vergata – voto 6. Equilibrio complicato, adesso che c’è il Covind-3, ottanta posti per l’emergenza, tutto il resto sembra passare in secondo piano.

.,

Narciso Mostarda – Asl Roma 6 – voto 6. La pressione cresce, il NOC, Nuovo Ospedale dei Castelli è sotto attacco. Cresce la polemica politica.

.

fff

Giorgio Casati – Asl Latina – voto 5. Problemi grossi, la sanità pontina ha il fiato corto e la politica preme per azioni più incisive.

ggg

Giuseppe Quintavalle – Asl Roma 4 – Voto 7. Adesso ci sono i positivi della nave crociera al porto di Civitavecchia, Il caso Manziana scotta ancora. C’è un po’ di affanno.

.,

Giuseppe Quintavalle – Asl Roma 4 – Voto 7. Il commissario straordinario appena arrivato ha cominciato ad agire in modo frenetico, stoppando e accelerando. Il caso “Parco Leonardo”? Sotto controllo.

fff.,,

Francesco Ripa di Meana – Ifo – voto 4. Non è il voto in pagella che disturba ma la assoluta mancanza di reattività al vertice del mega ospedale oncologico. Procede con il pilota automatico.

.,,

Marinella D’Innocenzo – Asl Rieti – voto 6. Ora i problemi arrivano anche nel Reatino, il Dg tiene botta e non si scompone. Forse il peggio deve ancora arrivare.

ghggg

Daniela Donetti – Asl Viterbo – voto 7. Morti, positivi, contagi anche tra camici bianchi e infermieri. La situazione si complica. Ma la Asl reagisce bene.

.,,

Angelo Tanese – Asl Roma 1- Voto 7. Iniziative a raffica di supporto all’emergenza coronavirus. La Asl mette a disposizione tutte le sue risorse. San Filippo Neri compreso.

.,

Stefano Lorusso – Asl Frosinone – voto 6. Fatica a tenere le redini, il quadro è disastroso e il territorio è in fermento. Media e politica premono.

.,,

Fabrizio D’Alba – San Camillo – voto 6. Gli scoppia il sabotaggio in casa, il laboratorio Covide nel mirino. Difficile mantenere la calma. Il Dg tiene duro.

.,,

Flori Degrassi – Asl Roma 2 – voto 6. Criticità sotto controllo, la Regione “arruola “ un ospedale dopo l’altro per procurarsi letti di riserva.

…gg

Maria Paola Corradi – Ares 118 – voto 4. Sembra ci sia una sorta di commissariamento occulto dell’Azienda. Che appare in pieno caos, il covid colpisce duro tra soccorritori e centralinisti.

.,.,

Marta Branca – Spallanzani – voto 6. Adesso tocca al laboratorio ad alto isolamento, struttura rimasta nel limbo per anni e che dovrà essere completata in due mesi sotto la regia di un consulente “esterno”. L’Istituto è sempre in prima pagina.

Massimo Annichiarico – San Giovanni Addolorata – voto 7. Lavora in silenzio, non fa parlare di sé. Buon segno. Ospedale sotto controllo, poco da segnalare.

.,,

t

Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio

Share
Share