Coronavirus: rete esperti contro cyberattacchi a ospedali

Share

Oltre 500 da 40 paesi, crimini informatici in aumento

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cybersecurity.jpg

Un gruppo di esperti di sicurezza informatica di tutto il mondo ha creato la ‘Cti League‘, un gruppo specializzato nella protezione degli ospedali e delle altre organizzazioni impegnate nella risposta alla pandemia dai possibili attacchi informatici che sfruttano l’emergenza legata al coronavirus.

Oltre 500 persone da 40 paesi, riporta il sito specializzato Dark Reading, hanno già aderito all’iniziativa. La prima priorità del gruppo sarà aiutare le strutture sanitarie a difendersi dai ransomware, i virus che bloccano i dati chiedendo un riscatto, e dagli altri attacchi informatici che stanno subendo, di cui in questi giorni è stato riportato un aumento.

In generale però gli esperti cercheranno di trovare contromisure a tutti i cybercrimini che stanno sfruttando la pandemia. “I criminali stanno usando un mix di vecchie strategie aggiornate e di altre relativamente nuove – spiega Marc Rogers, vicepresidente alla sicurezza della società specializzata Okta -. Questa diversità indica un’estensione globale del problema e una grande varietà di campagne diverse. In essenza stiamo vedendo una ‘corsa all’oro’ del cybercrimine”.

Ansa.it

Share
Share