Saliscendi / LaVerità

Share

di Cesare Lanza per LaVerità

Mina

Oggi compie 80 anni, è nata il 25 marzo 1940. «Mina! Minona! Fatte vede’ da vicino. Quanto sei bella…», già declamava Alberto Sordi. «Aliena e umana, algida e coinvolgente, classica e moderna, rassicurante e spiazzante, è universalmente considerata, dopo 60 anni di carriera e 75 album, la più grande cantante italiana. Una voce inarrivabile» (Gabriele Antonucci su Panorama).

Harry d’Inghilterra

Meghan ha fatto piangere Kate e William «l’ha aggredita come un cafone…». Sono emerse nuove indiscrezioni sulla rottura di Harry d’Inghilterra e Meghan Markle con il resto della famiglia Windsor. Secondo i soliti tabloid.il rapporto tra William e Harry era ai ferri corti per i comportamenti arroganti e presuntuosi del fratello minore.

Adriana Volpe

Sempre protagonista del Grande fratello Vip, anche dopo averlo lasciato. L’ex conduttrice è amata dai concorrenti rimasti in gara. In particolare Andrea Denver, con cui aveva un rapporto speciale. Andrea ha tirato fuori una foto scattata con Adriana: «Bellissima donna. Spero stia bene e che ci stia guardando». Flirt momentaneo o destinato a durare?

Paolo Brosio

A Live. Non è la D’Urso si parla di coronavirus e Paolo Brosio si scaglia come sempre contro la decisione di chiudere le chiese. Con una intensità ripetitiva che ha provocato qualche dubbio. Non è sfuggito ai telespettatori il bel pisolino che il giornalista si è concesso durante la diretta: si è addormentato, in collegamento via Skype, sul divano di casa nel corso della pubblicità. Una scena che ha suscitato l’ilarità del Web.

Antonio Giraudo

Dopo tanti anni dalle sentenze di Calciopoli, l’ex ad della Juventus non si arrende: ha fatto ricorso alla Corte dei diritti dell’uomo (Cedu). Secondo i legali di Giraudo, che era stato radiato, l’Italia ha violato l’articolo 6 della Convenzione, che garantisce l’accesso a un tribunale precostituito per legge e il diritto ad un giusto processo. Molti sperano che si faccia luce sull’oscura vicenda.

Jair Bolsonaro

«Sono sopravvissuto a una pugnalata in pancia, non sarà certo una gripezinha, una tosse da quattro soldi, a spaventarmi»: così si è espresso il presidente del Brasile, che finora non ha preso misure contro l’epidemia. Con un errore grossolano, tipico del mondo politico: confonde un problema personale con il pericolo pubblico.

Share
Share