Saliscendi / LaVerità

Share

di Cesare Lanza per LaVerità

Reinhold Messner

L’alpinista mette tutti in riga: dire «montagna» e dire «sciare» non è la stessa cosa. Si può salire nelle valli per camminare, riposare, respirare. In montagna il distanziamento non è solo una misura sanitaria, può essere la riscoperta di una libertà scordata. Annunciare la «distruzione dell’economia alpina» se le piste da sci rimangono chiuse è un messaggio autolesionista.

Giuseppe Conte

Ospite a Otto e mezzo, aveva tossito in continuazione. Palazzo Chigi ha poi diffuso una puntigliosa nota: «Si precisa che il presidente da qualche anno ha una sofferenza alle corde vocali […] che non di rado gli provoca tosse. […] Questa mattina il presidente Conte si è sottoposto a un tampone molecolare. Il test ha dato esito negativo». Domanda: Giuseppi non poteva chiarirlo in diretta?

Gianfranco Rosi

L’Italia ha candidato agli Oscar il suo film, Notturno, alla selezione per il miglior film straniero. L’annuncio delle nomination è previsto per il 15 marzo 2021. Il 9 febbraio sapremo i dieci film internazionali selezionati dall’Academy e se Notturno, già in gara al Festival di Venezia, entrerà nella cinquina. Nel 2017 Rosi, 57 anni, aveva già concorso alla statuetta con Fuocoammare.

Papa Wojtyla

Lo ha contestato il New York Times sostenendo che la santificazione, determinata cinque anni fa, sia stata affrettata. Al centro le accuse al cardinale Theodore McCarrick, con testimonianze sui suoi abusi sessuali. Wojtyla conosceva le prove contro di lui? Il National Catholic Reporter, autorevole testata americana, ha chiesto ai vescovi di sospenderne il culto.

Charli Grace D’Amelio

È la sedicenne che può contare su 100 milioni di follower su TikTok. È la prima persona al mondo ad aver raggiunto quel sensazionale numero di seguaci. Il padre, Marc, è un imprenditore; la madre, Heidi, ex modella e poi fotografa, una sorella maggiore che si chiama Dixie. Charli aveva cominciato a ballare sul tavolo di casa quando aveva appena tre anni.

Laura Boldrini

L’ex (per fortuna) presidente della Camera ha presentato un emendamento al decreto Sicurezza: offre agli irregolari, già espulsi dai giudici, una seconda possibilità. Potranno riproporre una nuova domanda di asilo per restare in Italia. Entro 72 ore, tre giorni. La Boldrini sostiene l’immigrazione. E gli italiani?