Enel, nel primo trimestre l’utile netto cresce del 10,5%

Share

Enel (nella foto, l’a. d. Francesco Starace) ha reso noti i risultati del primo trimestre di quest’anno. Risultati importanti per il gruppo. il risultato netto ordinario di Enel ammonta a 1.281 milioni di euro, rispetto ai 1.159 milioni di euro del 2019, registrando un incremento di 122 milioni di euro (+10,5%). La variazione è principalmente attribuibile al miglior risultato della gestione operativa ordinaria, a cui si aggiungono i minori oneri finanziari dovuti principalmente alla riduzione del costo del debito; i migliori risultati conseguiti dalle società valutate con il metodo del patrimonio netto soprattutto per effetto della rilevazione nel primo trimestre 2019 della minusvalenza conseguita negli Stati Uniti, principalmente per gli effetti derivanti dal riacquisto di alcune società dalla joint venture EGPNA REP. Il margine operativo lordo ordinario (EBITDA ordinario) del primo trimestre del 2020 ammonta a 4.741 milioni di euro, con un incremento di 287 milioni di euro rispetto all’analogo periodo del 2019 (+6,4%). L’incremento dell’EBITDA ordinario è attribuibile principalmente: alla crescita di Infrastrutture e Reti, pari a 132 milioni di euro, essenzialmente attribuibile agli effetti positivi, complessivamente pari a 178 milioni di euro, relativi alla modifica del beneficio dello sconto energia in Spagna;  alla variazione positiva, pari a 194 milioni di euro, di Generazione Termoelettrica e Trading principalmente in Spagna per 165 milioni di euro per l’effetto derivante dalla citata modifica del beneficio per lo sconto energia; alla crescita del margine relativo ai Mercati Finali, pari a 80 milioni di euro, in miglioramento soprattutto in Spagna, per effetto di migliori margini unitari, e in Romania. Tale miglioramento ha più che compensato i minori margini rilevati in Italia; alla performance operativa di Enel Green Power, in aumento per 77 milioni di euro se si escludono dalla diminuzione del margine operativo lordo ordinario, pari a 109 milioni di euro, gli effetti negativi connessi alla rilevazione nel primo trimestre 2019 dei proventi derivanti dall’indennizzo per recesso anticipato su un contratto di fornitura di energia elettrica in Cile (80 milioni di euro) e dalla rilevazione di un negative goodwill (106 milioni di euro) per l’acquisizione da parte di Enel North America (già Enel Green Power North America) di alcune società cedute da Enel Green Power North America Renewable Energy Partners LLC (“EGPNA REP”).