Facebook dice no agli Usa, avanti su crittografia messaggi

Share

Respinta la richiesta del procuratore generale

Facebook tira dritto con il piano di inserire la crittografia nei messaggi che gli utenti si scambiano sulle sue piattaforme, rendendoli inaccessibili a occhi esterni, compresi quelli della stessa Facebook. La compagnia, in una lettera, ha respinto l’appello del procuratore generale statunitense William Barr, che a ottobre aveva chiesto di consentire una qualche forma di accesso del governo ai messaggi per motivi di sicurezza pubblica.

Nella lettera Will Cathcart e Stan Chudnovsky, a capo di WhatsApp e Messenger, hanno spiegato che indebolire la crittografia nei loro prodotti creerebbe una vulnerabilità, una “backdoor” (cioè una porta sul retro) che i malintenzionati potrebbero sfruttare per danneggiare gli utenti. La backdoor, hanno evidenziato, “sarebbe un regalo per criminali, hacker e regimi repressivi”. Facebook offre già la crittografia end-to-end su WhatsApp, e ha in programma di estenderla anche a Messenger e ai messaggi su Instagram.

In un evento organizzato ieri dal Wall Street Journal, Barr è tornato alla carica, sostenendo che applicazioni cifrate come WhatsApp e Signal hanno aiutato “organizzazioni terroristiche, cartelli della droga, molestatori di bambini e bande dedite alla pedopornografia”.

Le parole di Barr sono arrivate nello stesso giorno in cui Facebook e Apple sono state chiamate a testimoniare sulla crittografia davanti a una commissione del Senato Usa. Il responsabile della privacy di Apple, Erik Neuenschwander, ha evidenziato l’importanza della crittografia su iPhone per proteggere dati sensibili come quelli bancari e sanitari, e ha spiegato che non c’è modo di consentire l’accesso alle forze dell’ordine senza al contempo lasciare una porta aperta agli hacker.

Ansa

Share
Share