Roma, arriva al teatro Flaiano il “Legittima Difesa Dossier” con Alda D’Eusanio

Share

(di Tiziano Rapanà) Amici romani, oggi mi rivolgo soprattutto a voi. Vi scrivo perché voglio suggerirvi la visione di uno spettacolo che andrà in scena a breve, nell’importante teatro Flaiano (si trova in via di Santo Stefano del Cacco, 17). Dal 5 all’8 dicembre potete vedere Legittima Difesa Dossier, uno spettacolo scritto da Ilenia Costanza, che racconta la violenza sulle donne nella sua più lacerante crudeltà. Protagoniste 14 storie vere di vittime di violenza figlie di assurde ragione culturali e religiose, scatenate dai motivi più disparati. Il dossier farà nomi e cognomi, descriverà le modalità e racconterà il terrore che ha attraversato le vittime: tra loro Hina Saleem, 20 anni, uccisa a Brescia per aver amato un ragazzo italiano; Dalia, moldava, venduta dalla nonna a 12 anni; Deborah Rizzato, 25 anni, violentata, perseguitata e assassinata; Sharif Aghil, 14 anni, morta per emorragia dopo la circoncisione. Non ci sarà un finale consolatorio, la verità si mostrerà nella sua interezza e la cosa non vi lascerà soddisfatti. Semmai turbati, scossi. Non è uno spettacolo per tutti, per i temi trattati si consiglia una visione ai maggiori di 14 anni. Lo spettacolo vivrà della partecipazione straordinaria di Alda D’Eusanio che introdurrà il dossier. Alda D’Eusanio non ha bisogno di presentazioni: è una conduttrice nota per la sua passione, il suo coraggio e le sue battaglie. Molti ricordano con affetto la sua mitica conduzione di “Al posto tuo”, storico programma pomeridiano di Rai2. Nella sua ouverture, la giornalista descriverà il dramma della violenza. Parlerà di numeri, fatti e bufale sul tema. Sarà un momento duro che la giornalista adornerà con punte di amarissima ironia. Lo spettacolo, prodotto da I Vetri Blu e Il Centro Studi La Parabola, torna in scena a 10 anni dal debutto ad Agrigento. Non fu un debutto facile: le critiche tentarono di spegnere la fiamma dell’audacia provocata dal testo. È stato poi replicato a Roma nel 2010, al Teatro Quirino, come evento promosso e realizzato dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e presentato come progetto di grande interesse socio-culturale da Pippo Baudo a Domenica In. In questi ultimi anni è andato in scena nella cornice dei Mercati di Traiano per Roma Città Natale e in altre città d’Italia. Andate a vedere lo spettacolo. Non solo per il tema, ma per la voglia di scoprire un modo diverso di fare teatro. Un modo che incontra il giornalismo rigoroso attento a raccontare i fatti in maniera diligente. Non è la solita solfa, il terribile teatro trombone, ma uno spettacolo innovativo che racconterà un tema difficile in una maniera non convenzionale.

tiziano.rp@gmail.com

Share
Share