TIM, a Torino prima rete live 5G Edge Cloud d’Europa con droni

Share

TIM e Comune di Torino hanno presentato la prima rete live 5G Edge Cloud d’Europa con droni connessi. Abilitando l’elaborazione integrata di Big Data raccolti da piattaforme IoT e analizzati da sistemi di Intelligenza Artificiale, il 5G Edge Cloud è la chiave di svolta per lo sviluppo e la diffusione dei servizi digitali della Smart City: public safety e automobili a guida autonoma, monitoraggio ambientale e Industria 4.0. La rete 5G Edge Cloud, infatti, garantisce larghissima banda e bassa latenza e permette di aggregare ed elaborare una quantità altissima di dati, assicurando servizi digitali con livelli di qualità estremamente elevati, sicuri e che rispettano la  privacy del cliente, nonché maggiore agilità e flessibilità di configurazione dei servizi e delle applicazioni secondo le tipiche logiche del Cloud. TIM arricchisce così ulteriormente la sua “5G Digital Business Platform”, la piattaforma innovativa che favorisce la creazione di un ecosistema virtuoso tra TIM, partner tecnologici, il mondo degli sviluppatori, delle imprese e della PA, per realizzare congiuntamente nuovi servizi digitali in modo più agile, semplice, scalabile e veloce. Nei prossimi mesi, i nuovi servizi di monitoraggio ambientale ed infrastrutturale che si avvalgono dell’impiego di droni connessi alla nuova rete 5G Edge Cloud di TIM e che partiranno in via sperimentale nella Città di Torino nell’ordine sono: la supervisione dei fiumi cittadini, per poter intervenire preventivamente ed evitare o almeno ridurre il rischio di future esondazioni; il monitoraggio infrastrutturale di monumenti artistici del patrimonio cittadino, per pianificare eventuali opere di restauro conservativo; il monitoraggio dei parchi cittadini, in modo da garantire una sempre maggiore sicurezza ai cittadini che frequentano le aree verdi. Torino è la città dove TIM ha il suo centro di ricerca e sviluppo, nei cui laboratori è stata sperimentata la prima connessione 5G in Italia su rete live utilizzando il primo prototipo di smartphone e le prime demo live dei servizi 5G rivolte al grande pubblico: automotive, droni, industria 4.0, turismo digitale, Smart City oltre alla prima auto a guida remota. Torino, inoltre, è, insieme a Roma, Napoli e Firenze, tra le prime tre città in Italia dove TIM ha già acceso il 5G e reso disponibili i primi servizi commerciali per famiglie e aziende. Durante la presentazione, l’a. d. Luigi Gubitosi ha fatto un annuncio importante, affermando che Il primo data center frutto dell’accordo tra TIM e Google sarà a Torino. “Creeremo a Torino un data center – ha spiegato – ci piace pensare che sarà il più moderno d’Italia, l’obiettivo è avere il centro più avanzato d’Europa. Non posso ancora quantificare l’investimento, sarà un impegno molto importante. Faremo molto velocemente”. Nessuna indicazione al momento sul luogo che ospiterà il data center. “Dimostreremo che si può stare nei tempi – ha detto la sindaca di Torino Chiara Appendino – ci impegniamo a lavorare perché l’investimento venga realizzato in fretta”. 

Share
Share