Credit card Apple sessista, aperta indagine a Ny

Share

Differenti tetti credito della carta gestita da Goldman Sachs

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 108405217_aaple.jpg

Il dipartimento per i servizi finanziari (Dfs) dello stato di New York ha aperto un’indagine per accertare se la Apple Card, la prima carta di credito di Goldman Sachs, offre differenti limiti di credito per uomini e donne, discriminando tra sessi. “Qualsiasi discriminazione, intenzionale o meno, viola la legge di New York”, ha spiegato il Dfs dopo aver contattato la banca di investimenti. La mossa segue le lamentele che gli algoritmi usati per fissare i tetti della carta, lanciata in agosto, sembrano penalizzare le donne.

Tra i primi a segnalarlo l’imprenditore David Heinemeier Hansson, il quale ha rivelato che Apple Card gli ha dato un limite 20 volte superiore a quello della moglie, nonostante quest’ultima abbia una valutazione migliore in materia di solvibilità.
Poco dopo Steve Wozniak, che ha fondato Apple insieme a Steve Jobs, ha twittato che a lui e alla moglie è capitata la stessa cosa, benchè non abbiano conti o asset separati.

Ansa.it

Share
Share