Leonardo, il Cenacolo diventa social: ha una nuova App e sito web

Share

Il Cenacolo sarà più ‘accessibile’ con un nuovo sito web a una App. Come è noto vistarlo è molto complicato e bisogna prenotare con mesi di anticipo, a causa delle rigide prescrizioni conservative possono entrare poche persone alla volta. Per questo si è deciso di aprire il Refettorio, almeno a livello virtuale, a tutti, avviando tre importanti progetti che sfruttano le possibilità offerte dalle tecnologie digitali: un sito internet dedicato e due canali social realizzati da Viva! Srl e una App mobile – sviluppata da ETT SpA e scaricabile gratuitamente sui dispositivi personali. Fino ad oggi il Museo del Cenacolo Vinciano non aveva un sito dedicato. L’obiettivo primario che ci si è posti è stato quello di fornire uno strumento di comunicazione affidabile, aggiornato, ufficiale. Grande attenzione è data alle informazioni per la prenotazione e l’acquisto del biglietto, che da sempre risultano una delle criticità del museo, ma è anche possibile navigare in altissima risoluzione l’Ultima Cena, scoprendo dettagli altrimenti invisibili; oppure trovare notizie e curiosità sull’opera e sul ‘personaggio Leonardo’, sulla particolare e travagliata storia conservativa della parete dipinta; sulla complessa macchina conservativa che agisce ogni giorno “dietro le quinte” del Museo. Il sito del Cenacolo è rivolto a un pubblico internazionale: in italiano e inglese al momento, presto parlerà anche altre lingue.  Con questo progetto il Cenacolo diventa anche social: su Instagram è attivo l’account Cenacolo_Vinciano, su Facebook sarà inaugurata a breve la pagina Museo del Cenacolo Vinciano. Grazie alla loro capacità di agire in maniera tempestiva e capillare, i canali social sono utilizzati per segnalare eventi particolari, aperture straordinarie e per divulgare in maniera sintetica ma con particolare attenzione all’impatto visivo alcuni aspetti del capolavoro leonardesco. Scaricabile gratuitamente dagli store Android e IOS, la nuova App accompagna il visitatore all’interno del Museo in un percorso di visita unico, dove il fascino del Cenacolo si svela attraverso un’accurata narrazione che prende per mano il visitatore e lo aiuta a comprendere il senso delle scelte operate da Leonardo dal punto di vista tecnico e compositivo. La sezione Storie, invece, è dedicata ad approfondimenti che aiutano a contestualizzare il dipinto dal punto di vista storico artistico grazie a schede di testo sostenute da apparato iconografico che comprende anche video e immagini a 360°. Alle famiglie con bambini è dedicato un percorso specifico, con due video di presentazione dell’Ultima Cena e quattro giochi interattivi. Infine, per permettere di ampliare la conoscenza dell’opera di Leonardo e la vastità della sua impronta sul territorio lombardo e sulla città di Milano in particolare, sono proposti gli itinerari leonardeschi. Attraverso una mappa si potranno localizzare i luoghi dove Leonardo ha lavorato o dove sono conservate le sue opere e visualizzarne le informazioni essenziali. La nuova App del Cenacolo Vinciano è pensata per tutti: in otto lingue (italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, russo, coreano e cinese), con percorsi di visita inclusivi e completamente fruibili grazie alle tracce audio e alle trascrizioni integrali. Questo è uno degli impegni più costanti del Polo. In questo caso, grazie alla collaborazione con l’Associazione Nazionale Subvedenti (ANS), nell’ambito del progetto DescriVedendo è stata realizzata una audio descrizione dell’Ultima Cena che rende racconta la cena leonardesca anche alle persone con ridotta o nulla capacità visiva. L’audio descrizione oltre che nella App è fruibile anche sul sito web. 

Share
Share