Fca: Manley, sempre pronti a discutere di nozze con Renault

Share

L’ad del gruppo automobilistico al Financial Times

Dopo il ‘naufragio’ delle nozze di due mesi fa, il capo di Fca Mike Manley lascia la porta aperta ad ulteriori discussioni con Renault per un possibile matrimonio tra le due case automobilistiche. Lo rivela in un’intervista pubblicata lunedì sul Financial Times. “La logica industriale che prevaleva prima esiste ancora”, ha assicurato il manager britannico della Fiat Chrysler Automobile (FCA). “Se le circostanze dovessero cambiare, allora forse i sogni potrebbero unirsi e le cose potrebbero accadere”, e in quel caso, “saremmo interessati ad avere novità loro (di Renault, ndr)”, ha aggiunto. Dopo diversi mesi di discussioni tra i due gruppi, all’inizio di giugno è fallito un progetto di fusione per formare la terza azienda automobilistica più grande del mondo. I leader della Fiat incolpano il governo francese per questo fallimento, il cui ‘placet’ è essenziale. Secondo il Wall Street Journal, tuttavia, il produttore francese sta negoziando una revisione completa della sua alleanza con Nissan, con al centro delle discussioni il riequilibrio delle partecipazioni incrociate delle due società attualmente a favore del marchio del diamante. Lo scopo di questi negoziati è proprio quello di allentare alcune tensioni e quindi eliminare la riluttanza di Nissan a fondersi con FCA in un momento in cui il partenariato franco-giapponese è già stato messo alla prova dallo sfratto del suo costruttore Carlos Ghosn arrestato alla fine del 2018 per presunta cattiva condotta finanziaria. Tuttavia, una fonte vicina al file assicurava all’AFP che “queste sono solo ipotesi. “Per il momento non ci sono contatti, non ci sono negoziati.” In un’altra intervista pubblicata lunedì scorso, concessa all’agenzia Bloomberg, Manley aveva fatto sapere che Renault non è l’unico attore con il quale le discussioni possono essere impegnate: “Rappresentano l’unica opportunità? La risposta a questa domanda è sicuramente no”, aveva risposto.

Agi

Share
Share