Scopello

Share

Cesare Lanza alla scoperta delle particolari bellezze italiane

Venite con me, oggi voliamo in Sicilia: a Scopello, dieci chilometri da Castellammare del golfo, a metà strada tra Palermo e Trapani. Vi consiglio una puntatina fuori stagione perché è un borgo adorabile, poco più di 100 abitanti -2000 d’estate- e resterete incantati. In origine si chiamava Cetaria, con riferimento all’ abbondanza dei tonni. Il nome di Scopello, ovvero scoglio, compare per la prima volta nell’anno 1000: alla dominazione greca seguì quella romana e successivamente quella normanna. Per arrivarci seguite l’autostrada A29, uscita a Castellamare e proseguite per la statale 187. Molto semplice! E poi ci sono nelle vicinanze due aeroporti… Attorno a Scopello sono stati ritrovati i resti di antichissime civiltà, a cominciare dalla mitologica città di Cetaria. Ceramiche e anfore di origine africana, punica e greca. Non ci sono fonti attendibili, ma c’è chi sostiene che Cetaria sia stata distrutta dagli arabi nell’827 d.C.; altri che sia stata devastata da un terremoto e un maremoto. In tempi più recenti segnalo il legame tra Scopello e i Borboni, durante la spedizione dei mille guidata da Garibaldi gli abitanti si schierarono con il loro re contro gli invasori piemontesi. E ora è tempo per dedicarsi, come d’abitudine, alla cucina locale. Il primo consiglio è un assaggio del pane” cunzato”, ovvero condito. Fresco e morbido, prodotto in un antico forno. Una bontà, con acciughe, primo sale e pomodoro. Poi, la cassatella: una specialità riferita al periodo pasquale, adesso pronta per voi tutto l’anno. Un dolce che ha origine nel 1700 a Calatafimi, a pochi chilometri da Castellamare. Calda in inverno, con maggior gusto e sapore. Pochi eventi, quello di maggiore spicco e la sagra del pane cunzato, ai primi di settembre. La bellezza di Scopello fu raccontata da Omero che vi ambientò l’ultima tappa di Ulisse prima del ritorno a Itaca. La baia locale sarebbe stata l’isola dei Feaci. L’interesse internazionale per questo borgo è dimostrato anche da tanti film, qui Ocean’s Twelve nel 2004 ha impreziosito alcune scene con George Clooney, Brad Pitt e Catherine Zeta Jones. Ma Scopello appare anche nelle puntate in Rai del commissario Montalbano e in numerosi spot pubblicitari.

Share
Share