Gerace

Share

Cesare Lanza alla scoperta delle particolari bellezze italiane

Eccomi ancora nella mia adorata Calabria, la mia terra d’origine. Oggi siamo a Gerace, in provincia di Reggio Calabria. Un borgo medievale arroccato su una rupe, ricco di storia e di cultura, importante centro per il turismo della regione. Il nome deriva dal greco jerax, ossia sparviero: secondo la leggenda il fiero e possente rapace che riuscì a indicare agli abitanti di Locri un luogo in cui proteggersi dalle incursioni saracene. E oggi è presente nello stemma della città. Nel decimo secolo la fortezza di Gerace resistette a lungo agli assalti degli Arabi, cedendo soltanto nel 986. Nel 1059 passa sotto il dominio dei Normanni, con un periodo di grande prosperità. Poi agli Angioini e agli Aragonesi e diventa un centro di forte spiritualità e cultura, le chiese erano addirittura 128, oggi solo 17. All’inizio del 1800 a Gerace comandano i francesi, successivamente i Borboni.  Una curiosità :i visitatori scopriranno gli antichi forni a legno a cupola per la cottura del pane, le botteghe dei vasai scavate nella roccia. La grande cattedrale ha resistito a numerosi terremoti e alluvioni. è possibile praticare escursioni nel parco nazionale dell’aspromonte. Ma la vera ricchezza è la gastronomia, con radici nella civiltà contadina. qui c’è il trionfo del peperoncino, dell’olio di oliva e dei pomodori freschi. Volendo, gusterete i “rafioli”, un tipico dolce con pan di spagna ricoperto di crema. Chi ama il vino potrà gustare il leggendario Greco di Gerace , che si produce a Bianco, a pochi km: è un vino liquoroso di 17 gradi, ottenuto da uve greche, in limitate quantità. I greci lo offrivano come segno di ospitalità unito al miele. Se andate a fine luglio troverete “Il Borgo Incantato”, una rassegna internazionale di arte di strada in Calabria, alla luce di fiaccole che illuminano le viuzze del centro antico. Si esibiscono musicisti e giocolieri, funamboli e mangiafuoco, clown e maghi. Per arrivare a Gerace, scegliete il treno, scendendo alla stazione di Marina di Gioiosa Jonica, oppure in aereo potete arrivare agli aeroporti di Reggio Calabria o di Lamezia Terme , a un centinaio di km.

Share
Share