Un bel gesto abruzzese. Il sindaco, di Sant’Egidio alla Vibrata, rinunzia all’indennità per donarla ai poveri

Share

(di Tiziano Rapanà) Ieri la stampa ci ha informato della composizione della cinquina del Premio Strega. Francamente preferisco scoprire il risultato della “sestina” del Superenalotto di stasera. Non m’illudo, perché tanto non vinco mai epperò metti che la fortuna voglia bussare proprio alla mia porta stasera? So bene che non busserà, però alle volte non si sa mai. L’iter del Premio Strega di quest’anno è terribilmente prevedibile, pertanto perché parlarvene? Consentitemi dunque rendervi conto di una piccola notizia di valore etico, che riguarda un piccolo comune abbruzzese. Vi ho parlato qualche giorno fa dell’Abruzzo, con l’annosa questione di Caramanico Terme, e adesso vi riparlo di questa splendida regione a me molto cara. Il neo sindaco di un piccolo comune del teramano, Sant’Egidio alla Vibrata, ha rinunziato all’indennità: la donerà ai poveri. Lo stipendo mensile, dopo aver coperto le spese di carattere elettorale, sarà devoluto in un fondo sociale destinato alle varie onlus, che si occuperanno degli indingenti del loco. Il sindaco dal cuore d’oro si chiama Elicio Romandini ed è un ingegnere che conosce le macchine organizzative della cosa pubblica (in passato, è stato assessore alla provincia di Teramo). La sua vittoria alle elezioni comunali è stata a dir poco trionfale, ha conquistato il 58.06% dei voti. Ora non so se il sindaco farà delle buone cose per Sant’Egidio, non sono del posto e non conosco l’opera politica del sindaco per potermi fare un’idea. Però, da osservatore, non posso non apprezzare il bel gesto di un amministratore che fin da subito si ingegna per tentare di alleviare la povertà che dilania una parte della sua comunità.  Non conosco Sant’Egidio alla Vibrata, dell’Abruzzo rammento il circondario chietino e i paesi che formano la spina dorsale della Val Pescara. Cercando su internet, ho trovato delle imagini invitanti che mi hanno ingolosito. Prima o poi farò una capatina a Sant’Egidio.

tiziano.rp@gmail.com

 

Share
Share