Conte: “Il governo non diventi una burla. Lega sovraeccitata, 5 Stelle sotto choc”. Strappo sui cantieri

Share

Non era scontato che Giuseppe Conte mettesse la sua maggioranza davanti alle proprie responsabilità. E che le consegnasse un avvertimento che sa di ultimatum, con un piglio sconosciuto. Ma il premier ha preso atto rapidamente che il suo ruolo è cambiato, dopo le Europee del 26 maggio. Non può più essere solo il garante del contratto scritto da Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Da Palazzo Chigi, è obbligato a spingere M5S e Lega a ricalibrarlo, tenendo conto dei nuovi rapporti di forza. Altrimenti, è pronto a farsi da parte. Lui stesso non è in grado di dire come andrà a finire, ma non può fare altro. «Il governo del cambiamento», confida in privato, «non può diventare una burla…».

Conte è preoccupato dalle manovre della Lega, soprattutto. Timore fondato. Ieri sera una delegazione di vice ministri leghisti ha lanciato un contro ultimatum a Conte sul decreto sbloccacantieri: un gesto che rischia di prefigurare la crisi. Di fronte a quelle insistenze per sospendere per due anni il codice degli appalti Conte ha detto basta: «La riunione finisce qui». Ma il premier intravede anche in alcune pieghe del grillismo insidie alla stabilità. Pensa a quei settori del M5S che considerano il risultato delle Europee come pietra tombale su un anno di «governismo».

«Nessuno poteva prevedere il 17 per cento al M5S: è stato uno choc. E ci vuole un po’ di tempo per riassorbirlo», ammette Conte. «Si pensava a un recupero, negli ultimi giorni di campagna elettorale. Fino al 22 per cento, o addirittura al 24. Il risultato è stato un colpo e una sorpresa difficili da digerire. Il pericolo, adesso, è la sovraeccitazione leghista per la vittoria, e la depressione eccessiva del Movimento». Per questo, da giorni il presidente del Consiglio accarezzava l’idea di un «messaggio al Paese». E dopo il voto, si è affrettato a farlo.

«Aiuterò tutti a capire che cosa vogliono. Si debbono assumere le loro responsabilità», è stato il suo mantra mentre la maggioranza gli si scioglieva sotto gli occhi. Vede sempre più che «a chiacchiere nessuno vuole rompere». Ma poi ha captato giochi torbidi, manovre opache, e si è convinto di non poterli assecondare, lasciando trasparire un’intesa solida con il Quirinale. Se qualcuno nella Lega e nel M5S lavora alla rottura, tanto varrebbe andare a votare a settembre, per poi avere un esecutivo in grado di fare la Legge finanziaria: è questa, la sfida sottesa alle parole pronunciate ieri pomeriggio in conferenza stampa.

Dal 26 maggio, il premier sa che il contratto non è più lo stesso: se non gli articoli, è cambiato lo sfondo psicologico. E il fronte grillino è il primo da rincuorare e ricompattare. Impresa eroica, anche per gli autogoal che la paura di altre sconfitte sta provocando, offrendo a Salvini ottimi pretesti. Ma se la maggioranza dovesse sopravvivere, Conte si ritaglia un ruolo di impulso, soprattutto nella trattativa con un’Europa che non è disposta a fare sconti all’Italia; e che osserva con preoccupazione il peggioramento dei conti pubblici provocato dalla coalizione gialloverde.

Quanto alla Lega, Palazzo Chigi può solo sperare di dissuadere il suo capo a compiere uno strappo dagli esiti favorevoli e scontati, almeno sulla carta. Con Salvini, la scorsa settimana Conte ha avuto circa due ore e mezza di colloquio. Hanno discusso con franchezza. E si è capito che il problema non sarà solo l’atteggiamento del vicepremier e ministro dell’Interno, ma le dinamiche nella Lega. Esistono pressioni forti a disdire il «contratto» con i grillini. E, in parallelo, si avverte l’incertezza sulle alleanze in caso di elezioni anticipate, osservate con golosità e rassegnazione crescenti.

Le Europee evocano un risultato vicino al 40 per cento, insieme con i Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni e magari con la formazione embrionale del governatore della Liguria, Giovanni Toti, in uscita da Forza Italia. Ma, appunto, è un sogno alimentato dalle Europee. «Le Politiche, si è visto anche nel recente passato, sono un’altra cosa», si limita a osservare il premier. E l’assillo salviniano di andare all’incasso subito per scongiurare una «sindrome Renzi», il segretario Pd passato dal 40 e rotti per cento delle Europee del 2014 a meno della metà in quattro anni, potrebbe rivelarsi a doppio taglio.

Nei vertici di questi giorni, Conte ha messo in guardia sulla «sovraeccitazione» post- elettorale. Ci si chiede se Salvini si senta sicuro di sbancare il prossimo Parlamento e andare a Palazzo Chigi da premier: soprattutto se si accelerasse un aggravamento della situazione economica; e la sfida alla Commissione europea irrigidisse l’atteggiamento di Bruxelles verso l’Italia. Si materializzerebbe una vittoria, accompagnata da un pericoloso isolamento continentale. Ma il problema, ormai, è quale sia il male minore, rispetto al caos di oggi. Conte ha le spalle al muro. Con il piglio dei disperati, cerca di metterci anche gli alleati.

Massimo Franco, Corriere.it

Share
Share