Amazon, 37 miliardi per vincere la scommessa nel settore della guida autonoma

Share

Indiscrezioni indicano che il ceo di Amazon, Jeff Bezos, stia educando il proprio sguardo sull’industria automobilistica, e nonostante l’andamento delle quotazioni azionarie della società sia relativamente piatto da quando sono emerse le notizie, gli investitori potrebbero voler rimanere sintonizzati, a detta degli analisti di Opto, magazine di CMC Markets.

Il ceo di Amazon  ha espresso interesse in diversi trend del settore automobilistico, dai veicoli autonomi, all’elettrificazione e al car sharing, secondo quanto riportato dalla Cnbc, ponendo le basi per investire in un settore in cui sia i nuovi arrivati che i pesi massimi hanno bruciato denaro alla ricerca di nuove tecnologie. “Nell’industria automobilistica in questo momento, ci sono così tante cose in corso con l’Uberizzazione, elettrificazione, l’auto connessa. Sarà qualcosa di molto interessante da vedere e partecipare”, ha detto Bezos ai dipendenti in una riunione interna a marzo.

Il gigante di Seattle non è nuovo ad avventurarsi in investimenti al di fuori delle sue attività principali, ricordano gli analisti di Opto. A febbraio, ha guidato un round di investimento da 700 milioni di dollari nella casa automobilistica elettrica Rivian del Michigan e ha partecipato a un round secondario da 530 milioni di dollari nella startup californiana Aurora specializzata in sistemi di guida autonoma, i cui partner includono Volkswagen  e Hyundai.

“Gli investimenti azionari di Amazon  in altre società ammontavano a 2,1 miliardi di dollari al 31 marzo, secondo gli ultimi report, di cui circa un terzo in società quotate in borsa. Le enormi riserve di liquidità della compagnia: 37 miliardi di dollari nello stesso periodo conferiscono una potenza di fuoco senza rivali per acquisire partecipazioni in start-up promettenti”, aggiungono gli esperti.

Gli investimenti in tecnologie di guida autonoma potrebbero portare beneficio alle attività di e-commerce di Amazon  riducendo i costi di spedizione, prevedono gli analisti di Opto. A gennaio, sono emersi notizie secondo cui l’azienda utilizza camion autonomi prodotti dalla start up Embark sulla I-10 Interstate Highway, attraverso gli Stati Uniti meridionali.

La società sta anche testando un servizio di brokeraggio merci in diversi stati nordamericani, mettendolo in concorrenza più stretta con gruppi come UPS e Uber Freight. Ma entrare in questo spazio è complicato, come ha notato Jason Seidl, un analista della banca d’investimenti Cowen. “I nuovi arrivati nel mercato di freight brokerage hanno utilizzato forti sconti per prendersi quote di mercato e Amazon  probabilmente farà lo stesso”, ha affermato.

Gli investimenti sono stati indirizzati anche verso l’estero: a gennaio, ha investito in Balyo, un’azienda francese che sviluppa carrelli elevatori robotizzati, con applicazioni chiare per la rete di magazzini di Amazon, dove gli esseri umani sono ancora una componente critica. Si adattano ad Amazon  nche agli investimenti IA, che rispecchiano le mosse simili dei concorrenti cinesi Alibaba e Baidu. Negli ultimi dieci anni, la società ha effettuato nove acquisizioni e cinque investimenti azionari in società di intelligenza artificiale, secondo un’analisi della rivista Inc. Molte di queste acquisizioni hanno contribuito allo sviluppo dell’assistente virtuale Alexa.

Ma l’Intelligenza Artificiale ha anche un lato oscuro. “Non tutti gli investimenti di Amazon  sono stati ugualmente ben accolti. La società ha affrontato il contraccolpo sugli azionisti per la vendita di software di riconoscimento facciale alle forze dell’ordine statunitensi, compresa l’agenzia di frontiera per l’immigrazione e le dogane (ICE)”, ricordano gli esperti. L’American Civil Liberties Union ha rivolto un appello agli azionisti per limitare la vendita della tecnologia, affermando che “Amazon  potrebbe presto diventare noto più per il suo ruolo nel facilitare la sorveglianza pervasiva del governo che per le sue operazioni al dettaglio”. Internamente, sembra che Amazon  stia già implementando l’IA in modo pervasivo. Ad aprile The Verge ha riferito che la tecnologia è stata utilizzata per monitorare la produttività dei lavoratori del magazzino. I dipendenti che non hanno rispettato gli obiettivi sono stati successivamente licenziati.

Milanofinanza.it

Share
Share