Innovazione, la multiutility Acea mette 5 milioni su innovazione e Intelligenza artificiale

Share

Un lampione smart, con telecamere e sensori per monitorare la qualità dell’aria e le condizioni meteorologiche, ma anche i droni per le ispezioni termografiche, utili a rilevare perdite nelle condotte del termo riscaldamento, e una serie di strumenti ad alto valore tecnologico volti a garantire
il monitoraggio in tempo reale di tutta la rete dei servizi aziendali. E poi il Water Management System, utilizzato per analizzare e monitorare l’enorme quantità di dati e informazioni provenienti dalla rete idrica e la nuova Sala di controllo digitale che telecontrolla in tempo reale oltre 1800
impianti e oltre 7000 km di rete idrica. Sono solo alcuni dei progetti presentati dall’Acea, la multiutility romana dell’energia, acqua, gas e ambiente, all’Innovation Day Acea, giornata dedicata dall’azienda alle nuove frontiere dell’intelligenza artificiale e all’utilizzo dei dati che stanno modificando il modo di fare impresa, che si è svolta a Roma. Ampio spazio nel corso della manifestazione è stato dedicato alla collaborazione avviata da Acea nell’ultimo anno con il mondo delle startup, che ha dato vita a oltre 15 sperimentazioni che hanno coinvolto diverse direzioni e aree industriali del Gruppo. Tutti questi progetti si inquadrano nelle strategie di sviluppo previste dal Piano Industriale di Acea 2019-2022 presentato lo scorso 2 aprile a Milano, che prevede 500 milioni di euro dedicati agli investimenti in innovazione e tecnologia. Ai lavori odierni, hanno partecipato con una tavola rotonda, oltre all’ad di Acea Stefano Donnarumma, anche quello di A2A Valerio Camerano, di Terna Luigi Ferraris, di Italgas Paolo Gallo, di Open Fiber Elisabetta Ripa, e Vincenzo Loia, ordinario di Management & Innovation Systems all’Università di Salerno. Nel budget 2019 di Acea “sono previsti 5 milioni di euro da spendere per la ricerca specifica sull’innovazione”, ha detto l’amministratore delegato di Acea, Stefano Donnarumma. “Abbiamo già analizzato 1.000 startup, siamo entrati in contatto con 500 di loro e abbiamo avviato 15 sperimentazioni”, ha aggiunto l’ad spiegando che in questo momento “in tutti i nostri business, ci sono trasformazioni tecnologiche in atto”.

ItaliaOggi

Share
Share